Vuoi la tua pubblicità qui?
29 Settembre 2020

Pubblicato il

Corsa, la maratona della Grande Muraglia Cinese

di Redazione

“The Great Wall Marathon” è una gara molto impegnativa ma altrettanto straordinaria per la sua difficoltà

L’evento conosciuto come “The Great Wall Marathon” è una gara molto impegnativa ma altrettanto straordinaria per la sua difficoltà, per i panorami mozzafiato e per il fatto che si corre sulla storia, La Grande muraglia cinese possiede infatti più di 2.200 anni. Nata nel 1999 come sfida tra due maratoneti, la scorsa edizione ha visto alla partenza oltre 2.500 atleti di oltre 50 nazioni differenti. L’evento quest’anno è alla sua 14ma edizione e partirà alle ore 7,30 del 14 maggio dalla zona rurale di Jixian. La gara si snoda in parte lungo la grande muraglia cinese dove gli atleti dovranno salire 5.164 gradini, la maggior parte dei quali rovinati dal tempo e quindi molto difficoltosi, e una parte sulle strade della provincia rurale di Tianjin.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Si tratta di una delle maratone più impegnative del mondo. Una vera sfida per chiunque abbia voglia di mettersi alla prova.E’ una gara multilap(il percorso effettua un doppio circuito che deve essere percorso più volte) e, di conseguenza molto impegnativa anche dal punto di vista mentale. Nel percorso si attraversano stretti cunicoli con difficoltose gradinate in discesa ed altrettanto ripidi scalini nei quali è necessario aiutarsi per salire. Si arriva alla grande muraglia attraverso stretti antichi passaggi nei quali ti incroci con coloro che sono davanti a te e sono nella via del ritorno. Inoltre il fondo del terreno è piuttosto sconnesso e non permette una corsa lineare.

Un proverbio cinese dice: “non potrai mai essere un eroe se non sei mai stato nella Grande Muraglia Cinese”. Questa infatti viene considerata una delle 50 attività sportive da fare prima di morire! La testimonianza di un atleta americano qui di seguito riportata ci dice: “…mentre tagliavo il traguardo la mia prima frase appena ho preso fiato è stata proprio che non avrei fatto mai più una cosa del genere!  Decisamente una follia! Però adesso a distanza di qualche giorno i miei sentimenti rispetto alla gara sono quelli di aver provato una emozione incredibile,  in uno scenario storico bellissimo. Una grande fatica perché  i gradini spesso erano consumati e quindi ho dovuto utilizzare anche le mie mani per arrampicarmi però è valsa la pena! Sono felice e soddisfatto di aver tentato ed essere riuscito a finire questa maratona!”.

Per maggiori informazioni: www.great-wall-marathon.com oppure il trailer della gara: http://youtu.be/ZYm0dD2Y-8

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento