Vuoi la tua pubblicità qui?
23 Ottobre 2020

Pubblicato il

Come comportarsi

Covid-19: la Regione Lazio aumenta i Drive in per i tamponi molecolari

di Redazione

Per accedere ai drive in la Regione Lazio segnala che occorre la ricetta dematerializzata da parte del medico di famiglia e il codice fiscale

Regione Lazio, Drive in
Regione Lazio, tamponi Drive in

La Regione Lazio ha definito un percorso, per tutti i cittadini, con lo scopo di individuare coloro che in questi mesi sono entrati in contatto con il Covid-19. Il primo passo è un esame del sangue (test sierologico) per individuare la presenza di anticorpi IgG che si rintracciano nel sangue dopo un paio di settimane dal contatto con il virus.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Come e dove effettuare il test

Per effettuare il test occorre recarsi nei laboratori analisi  pubblici e privati abilitati, muniti di ricetta bianca del medico curante (medico di medicina generale, pediatra di libera scelta, specialista, medico competente, etc.) e tessera sanitaria. Il test sierologico nelle strutture pubbliche ha il costo di € 15,23.

In caso di risposta positiva al test sierologico si dovrà tempestivamente effettuare un tampone naso/orofaringeo per scoprire se l’infezione è attiva ovvero se si è a rischio di trasmettere l’infezione ad altri. È il proprio medico di medicina generale che provvede a prescrivere, attraverso ricetta dematerializzata, il tampone naso/orofaringeo. Nell’attesa si effettuarlo si dovranno rispettare le norme legate al distanziamento fisico, anche all’interno della propria abitazione, mantenendo una distanza di almeno un metro dagli altri e evitando assolutamente ogni contatto diretto.

Avuto il codice della prescrizione, per l’esecuzione del tampone ci si reca con il referto del test sierologico e la tessera sanitaria, con mezzi autonomi, presso una delle sedi “drive in” presenti sul territorio della propria ASL di residenza che saranno aperte al pubblico dal lunedì al venerdì dalle 9,00 alle 18,00 e il sabato dalle 9,00 alle 14,00.

Come comportarsi in attesa del responso

In attesa del responso del test molecolare e delle eventuali indicazioni da parte del SISP (Servizio igiene e sanità pubblica) e del proprio medico di base o del pediatra è necessario rimanere presso la propria abitazione, continuando a rispettare le regole del distanziamento.

Negli ultimi giorni purtroppo la diffusione del Covid-19 tra la popolazione sta sottoponendo a particolare stress il sistema organizzativo dei drive in.

Attivati il 1° aprile scorso per ampliare il maggior numero di persone a cui sottoporre il test e verificare una eventuale positività da Coronavirus, i drive in sono stati un sistema efficiente e sicuro nei mesi di bassa affluenza, ma con l’arrivo di questa nuova ondata infettiva autunnale sono andati incontro a diverse criticità: troppe macchine, troppe ore di coda, anche sei o sette, e tempi di attesa per avere il risultato che arrivano anche a 5 o 6 giorni, troppi per garantire un efficace contenimento.

Vuoi la tua pubblicità qui?

44 drive in nell’intera regione

Per alleviare questa situazione difficile la Regione Lazio, dai primi giorni di ottobre, ha deciso aumentare le postazioni per effettuare soprattutto tamponi rapidi (i test antigenici), portandoli a quota 44 in tutta la regione, lasciando quelli molecolari alle persone più fragili e a coloro che sono risultati positivi ai test rapidi. 

L’obiettivo è quello di raddoppiare la rete, sia in modalità pedonale che con automobile, per poter rispondere in modo più veloce alle tante richieste di rilevamento.

Vuoi la tua pubblicità qui?

65 laboratori privati per effettuare i tamponi

La Regione ricorda inoltre che per effettuare i tamponi rapidi sono a disposizione anche 65 laboratori privati, al costo calmierato di 22 euro.

Inoltre a breve saranno resi noti quali e quanti sono i medici di medicina generale e pediatri di libera scelta hanno risposto alla manifestazione d’interesse per effettuare i tamponi rapidi negli studi medici. 

Per accedere ai drive in occorre la ricetta dematerializzata da parte del medico di famiglia e il codice fiscale. Nel territorio della Asl di Latina bisogna prenotare la prestazione all’indIrizzo https://concorsi.ausl.latina.it/covid19/drivein.jsf, mentre a Roma e provincia e delle altre province non serve al momento nessuna prenotazione.

L’elenco completo dei drive in nel territorio regionale si trova sul sito di Salute Lazio, all’indirizzo https://www.salutelazio.it/elenco-tamponi-drive-in

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento