Vuoi la tua pubblicità qui?
15 Maggio 2021

Pubblicato il

Cultura, Roma: va in scena “L’ultimo palazzo del Papa”

di Redazione

Sabato 8 e domenica 9 a Palazzo Braschi lo spettacolo di Rosa di Brigida che racconta la storia dell'edificio

La Era Dea presenta: "L’ultimo palazzo del Papa", di Rosa di Brigida. Mise en espace (Parole espressive e musica).

Vuoi la tua pubblicità qui?

Sabato 8 Novembre ore 20,45 e domenica 9 Novembre ore 19. Palazzo Braschi, Museo di Roma. Due entrate, piazza San Pantaleo, 10 e piazza Navona 2, Sala Torlonia. INGRESSO LIBERO.  Info 060608 – 0645494332.

Il testo "L’ultimo Palazzo del Papa" è stato scritto appositamente per l’occasione promossa da Roma Capitale e Zetema per l’animazione culturale nei musei civici di Roma Capitale. La mise en espace racconta, l’avventurosa e poco conosciuta, storia di Palazzo Braschi ultimo palazzo commissionato da un Papa.  Dopo varie peripezie diviene addirittura sede del gioco del Lotto e della lotteria Romana che lo vede messo in palio nel 1866/67. Ora è sede del Museo di Roma.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La vicenda, ricca di tanti, diversi e significativi avvenimenti, è raccontata da tre personaggi: la Storia, Papa Pio VI e Pasquino (tipico carattere romano, fustigatore, attraverso i suoi versi satirici, di nobili e potenti). L’originalità e la particolarità della messa in scena emergono, oltre che dal testo e dal trattamento della musica che lo accompagna, anche nei costumi, che sono cuciti e dipinti a mano dal laboratorio artistico ERA DEA, per farne delle pitture visionarie. La musica che accompagna le parole ripercorre in piena libertà le atmosfere dal ‘700 ai nostri giorni. In scena Rosa Di Brigida nel ruolo della Storia, Francesco D’Ascenzo nel ruolo di Pio VI e Pasquino. Al flauto, Silvia Raia, alla Chitarra classica, Flavio Nati, alle percussioni, Luca Bloise.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento