Vuoi la tua pubblicità qui?
30 Settembre 2020

Pubblicato il

Detenuto tenta suicidio a Rebibbia

di Redazione

Il compagno di cella sulla sedia a rotelle lo salva

Ha tentato di togliersi la vita impiccandosi alle sbarre della cella ma è stato salvato dal compagno di prigione, un detenuto costretto su una sedia a rotelle. Il disabile, accortosi di quanto stava accadendo, si è buttato per terra e lo ha sostenuto fino all'arrivo dei soccorsi. Il detenuto disabile ha ricevuto un encomio dalla direzione, come ha reso noto il Garante dei Detenuti del Lazio Angiolo Marroni.

"Nei giorni scorsi proprio il Garante aveva acceso i riflettori sulla difficile situazione sanitaria e logistica del G11 inviando una lettera al capo del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria Giovanni Tamburino con allegate le denunce firmate da dieci detenuti – si legge in un comunicato -. Nella sua lettera il Garante denunciava la circostanza che il piano terra del reparto fosse utilizzato come Centro Clinico senza averne le caratteristiche tecniche e strutturali e senza la presenza di personale medico e paramedico adeguato. I problemi sono cominciati quando con i lavori di ristrutturazione del Centro Clinico di Regina Coeli, parte dei detenuti malati li' ricoverati sono stati trasferiti a Rebibbia e qui, per ospitarli, è stato adattato a Centro Clinico il piano terra del G 11".

Vuoi la tua pubblicità qui?

"Il tentativo di suicidio non è direttamente riconducibile alle condizioni della struttura – ha detto il Garante Angiolo Marroni – ma lascia riflettere la circostanza che a salvare questa persona sia stato un altro detenuto costretto a vivere su una sedia a rotelle. Un caso purtroppo non isolato all'interno del G 11. Il problema è che le celle e i servizi utilizzati non sono adeguati per ospitare disabili".

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento