06 Marzo 2021

Pubblicato il

Donato Bruno: “Mio figlio è un bravo ragazzo”

di Redazione

Il padre di Nicola, indagato nell'ambito dell'inchiesta sulle baby squillo, prende posizione

“Non sarà interrogato a breve”, si sottolinea. L’accusa da fronteggiare è quella di prostituzione minorile., ha riferito il parlamentare.

Vuoi la tua pubblicità qui?

LA DIFESA DI PAPA’ DONATO “Ho parlato con mio figlio e mi ha detto che non ha avuto alcun rapporto con le persone coinvolte in questo caso. Io gli credo e ho fiducia in lui”. Il parlamentare di Forza Italia Donato Bruno difende a spada tratta il figlio Nicola, finito nell’inchiesta sulle baby squillo di Viale Parioli.

ACCUSATO DI PROSTITUZIONE MINORILE L’ipotesi d’accusa, come nel caso di Floriani e degli altri presunti clienti, è quella di prostituzione minorile. E come per il marito della Mussolini tutto partirebbe da una serie di telefonate intercettate nelle quali Bruno prendeva appuntamento per incontrare una od entrambe le minori per consumare sesso a pagamento.

NON SARA’ INTERROGATO A BREVE Come riferisce “Il Messaggero” a Nicola Bruno è già stata notificata l’elezione di domicilio, anche se il giovane avvocato nega di essere a conoscenza di un proprio coinvolgimento nell’inchiesta. Da ambienti giudiziari, tuttavia, trapela la possibilità che Bruno non sarà interrogato a breve.

L’INDAGINE SI ALLARGA Intanto l’indagine si allarga a macchia d’olio e i clienti delle baby squillo di Viale Parioli alla fine potrebbero essere molti di più dei cinquanta ipotizzati in un primo momento.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento