Vuoi la tua pubblicità qui?
10 Luglio 2020

Pubblicato il

E’ chiaro, Lionel Messi soffre della “Sindrome della patria vera”

di Redazione

Oggi voglio entrare in tackle durissimo sull’argomento più dibattuto a livello mondiale: Lionel Messi...

Oggi voglio entrare in tackle durissimo sull’argomento più dibattuto a livello mondiale: Lionel Messi. E lo voglio fare per spezzare le gambe alle parole fuori luogo e cliché giornalistici, che spesso abbondano nei giornali di lingua ispana e italiana. Vi ‘chiarisco’ subito, che per me, il problema non è ‘el leproso’ ‘el pecho frio’ ; ma coloro i quali in maniera onnipotente e narcisistica credono d’essere come lui; e poi, in campo, non conoscono neanche i fondamentali del calcio. Vi ho detto che probabilmente, Messi, soffra della ‘Sindrome della patria vera’; quello stato d’animo devastante, di chi, dopo un’emigrazione ‘forzata’ in tenera età, non sa più se è figlio della patria ‘escludente’ o di quella nuova ‘accogliente’.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Durante l’inno nazionale argentino, ieri, l’espressione somatica della ‘pulga’ era tormentata; come quella di chi non riesce a controllare le emozioni. Ma quali emozioni? Erano ‘vere’ emozioni sonore e nmemoniche dell’infanzia? O ‘intrusi’ inconsci maledetti che si esprimevano attraverso sensi di colpa che in quel preciso momento gli minavano la mente e il cuore? Perché quella mano a strofinarsi la fronte oltre che a nascondere gli occhi? Per cacciare dalla mente pensieri dolorosi? Per non far vedere le lacrime? O per non lasciar leggere l’anima, negli occhi aperti?

Io credo che Messi, oltre che calciatore di livello alto, sia una persona eccezionale, forgiato su valori famigliari antichi e forti. Penso che ami i colori della bandiera argentina, più di quelli del Newell’s e del Barcelona, ma penso anche, che come tutti gli esseri umani egli affronti lotte quotidiane, che si muovono e ‘dribblano’tra istinto e ragione.

Ho letto oggi frasi come Messi-male; Messi-cani, Messi-peggio e altre di questo stile, restandoci male. L’ingratitudine umana è più forte della consapevolezza dei valori empirici di atleti che ci hanno fatto gioire da decenni con le loro azioni sul campo. Un calciatore è una ‘macchina’ psicomotoria complessa e unica. I talenti come Messi sono ancora oltre tutto ciò; da sembrare alieni. Ai denigratori del giorno dopo voglio mettere in ‘luce’, che Messi oltre ad essere il cognome di questo mito vivente calcistico, è plurale di ‘messe’ e significa mietere ( le messi sono abbondanti) e figurativamente anche frutto, risultato di un'attività, di un duro lavoro. Messi di lodi per te, nonostante tutto, Lio!

Vuoi la tua pubblicità qui?

 

Leggi anche:

Mondiali Russia: Cosa impedisce a Leo Messi di vincere in nazionale?

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento

Condividi