Vuoi la tua pubblicità qui?
07 Maggio 2021

Pubblicato il

E’ David Solazzo il 31enne cooperante italiano morto a Capo Verde

di Redazione

LʼOng fiorentina per cui David Solazzo lavorava comunica che ""Si è trattato di un incidente su cui le autorità locali stanno ancora indagando"

Un 31enne fiorentino, David Solazzo, 31enne Fiorentino, coordinare di un progetto di cooperazione per il Cospe, una Ong di Firenze, è morto nella sua casa sull'isola di Fogo a Capo Verde. La notizia è stata pubblicata sul sito del Cospe, dove si spiega che il giovane, di professione agronomo, sarebbe morto in un incidente sul quale "le autorità locali stanno ancora indagando". David tra pochi giorni sarebbe rientrato in Italia.

L’Ong in una nota scrive: "David era arrivato a Fogo nel novembre scorso e da subito aveva messo in campo la sua professionalità, la sua energia e passione al servizio delle comunità locali. Ci stringiamo attorno alla famiglia, alla fidanzata e agli amici, con l’impegno di fare di tutto per appurare la realtà dei fatti, ancora sgomenti per la tragica notizia".

Il console italiano a Praia, Luigi Zirpoli, sottolinea che "Davi martedì sera era stato a cena con degli amici e la mattina seguente è stato trovato morto in casa dove, credo, vivesse da solo. Le autorità stanno indagando e giovedì ci sarà l'autopsia".

Vuoi la tua pubblicità qui?

Anna Meli, responsabile della comunicazione del Cospe, l'Ong di Firenze per cui Solazzo lavorava aggiunge: "Nonostante la sua giovane età, David era esperto di cooperazione e con noi aveva già fatto un'esperienza in Angola. A Capo Verde abbiamo un'altra nostra cooperante, una giovane della Sardegna e le prime notizie le abbiamo avute da lei".

LEGGI ANCHE:

Vuoi la tua pubblicità qui?

Lazio, padre e figlio vendono panini e bevande abusivamente sui treni

Di Bella: la Prevenzione farmacologica dei tumori

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento