Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
25 Gennaio 2022

Pubblicato il

Lo sapevate che...

Email certificate: oggi è possibile attivare la pec gratuitamente?

di Redazione
Le email certificate sono sempre più richieste dagli utenti, in quanto, di fatto, sostituiscono la raccomandata cartacea
Email certificate, pec
Email certificate

Le email certificate sono sempre più richieste dagli utenti, in quanto utili a diversi scopi: di fatto, sostituiscono in maniera ottimale la classica raccomandata cartacea che si può tracciare, ma non c’è bisogno di fare lunghe file all’ufficio postale.

Che si tratti di partecipare a un concorso pubblico, di doversi confrontare con terzi per scopi lavorativi o personali, per usufruire di una casella di posta elettronica certificata nella maggior parte dei casi è necessario sottoscrivere degli abbonamenti annuali rinnovabili.

Ad ogni modo, risparmiare al giorno d’oggi è possibile, soprattutto orientandosi verso soluzioni che non prevedano costi all’attivazione e che siano a zero spese fisse, in cui pagare solo all’effettivo utilizzo della casella di posta elettronica certificata.

A questo proposito, per attivare una pec gratuitamente è possibile rivolgersi all’ufficio postale online LetteraSenzaBusta, che mette a disposizione SuperPEC, un servizio caratterizzato dalla formula Pay per Email e autorizzato direttamente dall’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID).

Come attivare una PEC

Per attivare una PEC occorre apporre un firma in modalità digitale: si tratta di una tipologia di firma ormai molto utilizzata che ha il medesimo valore di una firma apposta manualmente su un contratto e diventa imprescindibile nel momento in cui occorra aprire una casella di posta certificata. La firma digitale stessa si ottiene tramite SPID, se attivato, oppure a mezzo di videochiamata con webcam.

Di norma, occorre registrarsi sul sito corrispondente che offre il servizio gratuito, utilizzando i classici username e password. Successivamente, occorrerà creare il proprio indirizzo mail, avendo cura di sceglierne uno facilmente riconoscibile e che si possa ricordare senza difficoltà. Infine, per mezzo della firma digitale si avrà la PEC attiva davvero in pochi clic.

Le formule senza costi eliminano, come già accennato, gli abbonamenti mensili o annuali e richiedono cifre minime solo al momento dell’invio (con Paypal o carte anche prepagate), garantendo comunque la ricezione sempre a livello gratuito. Anche lo spazio di archiviazione è piuttosto importante e, nelle migliori, illimitato.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Caratteristiche principali di una PEC

La PEC, dunque, diventa irrinunciabile quando occorre trasmettere comunicazioni importanti a organi pubblici ai quali normalmente si invierebbe una raccomandata con ricevuta di ritorno. E, proprio come un indirizzo fisico, essa rappresenta un vero e proprio domicilio digitale riconosciuto e inserito in un elenco pubblico denominato INAD, secondo l’articolo 3 del Decreto Legislativo 82/2005.

La PEC viene erogata da gestori che devono essere regolarmente autorizzati da un altro organismo fondamentale, ovvero l’AGID, acronimo di Agenzia per l’Italia Digitale che promuove la comunicazione telematica sempre secondo le norme di legge. Attraverso la sua tutela si avrà la certezza di avere gli estremi precisi che riguardano data e ora di invio e ricezione della PEC, una sorta di ricevuta indispensabile in questi casi.

Proprio come una classica mail, la PEC può essere inviata, visualizzata e interamente gestita sia su PC desktop che a mezzo di app dedicate su uno smartphone, snellendo di fatto qualunque operazione importante si debba portare a termine.

Come già accennato, anche i professionisti trovano utile, se non fondamentale, inviare documenti importanti tramite PEC, meglio ancora se gratuite: anzi, in molti casi, per essere iscritti a un albo o più semplicemente al Registro delle Imprese, l’indirizzo di posta certificata è obbligatorio.

Fortunatamente, anche qualora sia un semplice privato a doverla attivare, non vi è necessità alcuna di avere conoscenze informatiche approfondite o essere in possesso di software specifici: il principio è il medesimo delle già note mail. Le notifiche avvengono nello stesso modo: avvisi push su computer o cellulare e SMS ove espressamente richiesto.

In ogni caso, una PEC a pagamento non necessariamente fornisce più servizi rispetto a una gratuita che, anzi, garantisce tutti gli strumenti base per inviare e ricevere mail pagando il dovuto solo quando la si utilizza.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo