Vuoi la tua pubblicità qui?
14 Giugno 2021

Pubblicato il

Medici in prima linea

Feste in famiglia? Per i medici sarà un Natale in trincea

di Redazione

Ci sono due emergenze anche durante le Feste di Natale, una per curare i malati di Covid, un'altra per curare i malati che non hanno il Covid

Feste Natale, medici

“Qualunque siano le norme del governo per Natale, per i medici saranno comunque feste in trincea”. Così il presidente dell’Ordine dei medici di Roma, Antonio Magi, nel corso di un’intervista rilasciata all’agenzia Dire.

“Per i medici sarà un Natale insieme ai malati – prosegue Magi – perché sicuramente questa festività non farà sparire il Covid-19. Saremo quindi ancora una volta in ‘trincea’ per salvaguardare la salute di tutti quanti. Per i medici sarà un Natale molto particolare”.

Vuole lanciare un appello di ‘prudenza’ ai cittadini?

“Natale non vuol dire ‘liberi tutti’, tutt’altro: si può festeggiare ma in massima sicurezza. Questo è importantissimo- conclude Magi- altrimenti il virus, dopo un lieve rallentamento, tornerà ad accelerare come dopo estate”.  

Nel Lazio è allarme guanti, scarseggiano tra i medici “faccia riflettere il bilancio dei professionisti ‘caduti’ sul campo

“In questo momento a Roma e nel Lazio c’è un allarme per i guanti monouso: tra i medici iniziano a scarseggiare. Il motivo- spiega- sarebbe legato alla chiusura di una fabbrica che produceva appunto guanti, per questo ora ci ritroviamo senza”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Intanto non si arresta il bollettino dei medici morti sul ‘campo’, con un bilancio che sale a 216. I mdici ‘caduti’ nella seconda ondata sono 37. È un bilancio tristemente serio quello dei medici che hanno perso la vita a causa del Covid-19- commenta ancora Magi– che colpisce tutte le categorie: non solo i medici di famiglia, ma anche gli ospedalieri, gli specialisti ambulatoriali, i liberi professionisti e i pediatri.

Tutte persone che hanno sacrificato la loro vita per svolgere la propria attività. Questo bilancio, importante, ci deve fare riflettere sull’importanza e la dedicazione dei medici nel risolvere i problemi legati alla salute pubblica”. 

Vaccini antinfluenzali? Non sono ancora a disposizione dei medici

“In queste ore non è cambiato nulla: i vaccini antinfluenzali non sono ancora a disposizione dei medici. Siamo in attesa. C’è un’emergenza nell’emergenza, perché il Covid ne ha create due. Una per curare i malati di Covid e un’altra per curare i malati che non hanno il Covid che in questo momento si ritrovano in una situazione di grave difficoltà in cui non trovano spazio per le cure. Bisogna potenziare il territorio, l’assistenza specialista, in maniera da dare a tutti quanti la sicurezza e la tranquillità di essere seguiti e curati in qualunque situazione ci possiamo trovare”.

Ma come potenziare?

“Esistono specialisti che possono lavorare di più- ipotizza Magi- portiamoli a 38 ore a settimana. Ci sono dei concorsi, assumiamo a tempo indeterminato, perché molti medici stanno andando in pensione, ci sarà spazio e bisogno”. Magi ricorda che “già 220 colleghi sono deceduti. Non c’è nessun errore, facciamo il nostro dovere, ma dopo la guerra cerchiamo di proteggerli questi medici”.

L’ultima tentazione del governo: vaccino obbligatorio per tutti

Vuoi la tua pubblicità qui?

Speranza contro il Covid, l’anteprima su Dpcm di Natale e piano vaccini

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento