Vuoi la tua pubblicità qui?
17 Maggio 2021

Pubblicato il

Firmato accordo con Abi, aziende agricole più competitive

di Redazione

Ormai è un dato di fatto, il comparto dell'agricoltura sta diventando sempre più un pilastro della nostra economia malandata

Ormai è un dato di fatto, il comparto dell'agricoltura sta diventando sempre più un pilastro della nostra economia malandata. Molti giovani che non sono riusciti a trovare un lavoro, magari inerente ai loro studi, hanno giocato la carta dell'agricoltura, e la sorte è stata loro propizia, come dire "la fortuna aiuta gli audaci". Sono bastate poche ricerche su portali come EspertoPrestiti per trovare un finanziamento idoneo a mettere su una piccola azienda agricola, sfruttando l'onda favorevole a questo settore (approfondimenti anche su http://espertoprestiti.com/prestiti-protestati). Ma la buona volontà da sola non basta. Bisogna creare opportunità e rendere il settore dell'agricoltura ancora più competitivo sui mercati.

Vuoi la tua pubblicità qui?

A tale proposito arriva una buona notizia, infatti è appena stato firmato un accordo tra la regione Lazio e l'Abi, Associazione Bancaria Italiana e Ismea, Istituto per i servizi per il mercato agricolo alimentare. Ma perché questa notizia è così importante? Perché , come sostiene la regione, ora si aprono nuovi scenari, nuove opportunità per le imprese agricole per dare una svolta all'insegna dello sviluppo e dell'innovazione, nonché un'interessante spinta a tutte le sturt up. Meno pratiche burocratiche da sbrigare, diverse semplificazioni a livello amministrativo daranno l'opportunità alle imprese in questo settore di investire e crescere, diventando così veramente competitive in un mercato internazionale molto interessante.

Quali i pilastri di questo accordo? Intanto il fondo di garanzia, un contributo concreto per gli imprenditori che chiedono finanziamenti alle banche: la regione aiuta a rendere più fluido il processo di erogazione crediti dando garanzie finanziarie. Poi c'è il fondo di credito, e questa è una novità in quanto si tratta di un fondo in grado di abbattere i tassi d'interesse sul prestito di circa il 50%, e non è certo una cosa da poco per chi vuole fare impresa. Inoltre verranno accordati contributi ai giovani imprenditori agricoli, tra cui anche un finanziamento a fondo perduto di 70 mila euro.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Insomma, se non si tratta di una vera e propria rivoluzione, ci si avvicina molto. Forse si poteva credere da prima in questo settore per troppi anni snobbato e lasciato all'angolino quasi fosse un disonore coltivare la terra, un ripiego per chi non aveva potuto studiare e non viveva nelle grandi città. Finalmente oggi al comparto agricolo è stato restituito un prestigio che gli spetta di diritto e che, come stiamo vedendo, apre diverse opportunità.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento