Vuoi la tua pubblicità qui?
30 Ottobre 2020

Pubblicato il

Flavio Parenti intervistato in diretta a Radio Radio

di Redazione

Il popolare attore-regista si confessa nella trasmissione "Un Giorno Speciale" di F. Vergovich

Flavio Parenti oggi a Radio Radio nel corso di  "Un Giorno Speciale" con Francesco Vergovich.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Nato a Parigi, tra il 1993 e il 1999 ha studiato recitazione in Francia, presso il Centre International de Valbonne. Successivamente ha frequentato  la Scuola del Teatro Stabile di Genova, ottenendo l'Attestato di Qualifica Professionale d'Attore. Dopo aver lavorato in campo pubblicitario, nel 2002 debutta in teatro in Madre Coraggio e i suoi figli di Bertolt Brecht, di cui è anche aiuto regista. Da allora fino al 2005 lavora esclusivamente come attore e regista teatrale.

Dal 2002 al 2006 è stato aiuto regista di Maurizio Nichetti, Matthias Langhoff e Marco Sciaccaluga in vari spettacoli. In seguito ha creato l'associazione culturale NoNameS con la quale auto-produce il suo primo spettacolo.

Tra i suoi primi lavori televisivi, ricordiamo l'episodio Ricordati di me della sit-com Camera Café, in onda su Italia 1, la miniserie tv Eravamo solo mille, diretta da Stefano Reali, e la serie tv Un medico in famiglia 5, in cui interpreta il ruolo di Boris, quest'ultime trasmesse nel 2007 da Rai Uno.

Nel 2008 appare per la prima volta sul grande schermo con il film, in cui è coprotagonista nel ruolo di Tancredi, Parlami d'amore, regia di Silvio Muccino, al suo esordio come regista, tratto dal romanzo omonimo scritto dallo stesso Muccino insieme a Carla Vangelista. E'  coprotagonista anche del film Colpo d'occhio, regia di Sergio Rubini, è nel cast de Il sangue dei vinti, regia di Michele Soavi. Ed inoltre ritorna su Rai Uno con la miniserie tv Einstein, regia di Liliana Cavani, in cui interpreta il ruolo di Eduard Einstein, uno dei figli di Albert Einstein.

Nel 2009 partecipa in concorso come attore protagonista alla 66ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia per il film Tris di donne & abiti nuziali, regia di Vincenzo Terracciano, Io sono l'amore, regia di Luca Guadagnino, e Le ombre rosse di Citto Maselli, tutti nella sezione "Orizzonti". Nello stesso anno recita in Distretto di Polizia 9 e Distretto di Polizia 10.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Nel 2012 è protagonista al cinema diretto da Woody Allen in “To Rome with Love".

Nell' autunno 2013 appare in televisione come protagonista, insieme a Micaela Ramazzotti, in “Un matrimonio”, la fiction di Pupi Avati che andrà in onda su Rai1.

Vuoi la tua pubblicità qui?

In contemporanea alla sua carriera di attore, Flavio Parenti comincia a produrre e dirigere i suoi primi film, in cui sperimenta le molteplici possibilità narrative concesse dalla innovativa tecnica digitale. Nel 2010 dirige “Sogno Farfalle Quantiche”, vincitore del "Best Film" al DIY Film Fest di Los Angeles, e la web series “#ByMySide”, disponibile su youtube.com sul canale ufficiale della sua casa di produzione per il web "Bymysidewebseries", che ha ottenuto in pochi mesi un importante successo di pubblico, di critica nonché vincitrice del premio ufficiale SIAE come Miglior Web Serie del 2012.

Flavio Parenti è attualmente tra i principali interpreti della nona stagione di "Un medico in famiglia" (in onda su Rai1) interpretando il dottor Lorenzo Martini, il nuovo medico in famiglia, sostituendo il dottor Lele Martini interpretato da Giulio Scarpati. L'ultima puntata è prevista giovedì prossimo.

Parenti a Vergovich ha confidato che i film di Allen e Sorrentino sono stati importanti come atti di promovimento di Roma nel mondo; certo però che queste opere rappresentano un decimo di quello che si dovrebbe e potrebbe fare.

Insieme a Alex Britti, all'Ambasciatore di Francia e tanti altri personaggi, è fra i vincitori dell'ultimo "Premio Simpatia"  il riconoscimento che premia dal 1970 la parte migliore della società italiana e, secondo quanto stabilisce il suo statuto, “ha un carattere umano e popolare, vuole essere la cronaca di un anno con scelte che cadono su personaggi, oltreché conclamati dalla pubblica notorietà, anche umili".

 

 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento