Vuoi la tua pubblicità qui?
23 Ottobre 2020

Pubblicato il

Frascati ospita i vini d’artista di Bibi Graetz

di Redazione

I suoi vini sono fra i più apprezzati al mondo

I suoi vini sono i più apprezzati al mondo. La produzione è limitatissima. Vive nell’incantato castello di Vinciliata sulle colline di Fiesole. E se tre indizi fanno una prova, tutto riporta a Bibi Graetz, celebre produttore, agronomo e pittore toscano, che da circa vent’anni con i suoi vini, ha scalato le classifiche delle guide enoiche nazionali e internazionali, incantando critica e consumatori. I riconoscimenti ricevuti non si contano più.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Nel 2004 il Testamatta (vino rosso di riferimento di casa Graetz), risulta il miglior rosso al VinExpo di Bordeaux, fiera che raccoglie i migliori e più importanti vini del globo. “I vini di Graetz fanno sempre sorridere, perché raccolgono in se una gioia spensierata”, scrive The Wine Advocate. “Un artistaanarchico, diventato produttore di vini schietti e sinceri come lui”, racconta L’Espresso. “Testamatta un toscano duro e puro”, titola il Sole 24 Ore. Due suoi vini rossi, Colore e Balocchi di Testamatta, sono i vini riservati a due eccellenze della ristorazione italiana, Enoteca Pinchiorri a Firenze il primo, ed alla Pergola del Cavalieri Hilton a Roma il secondo.

Ma la fama di Bibi ed il suo successo non si fermano ai vini rossi, riscopre infatti all’Isola del Giglio il vecchio vitigno dell’ansonica, un uva bianca quasi dimenticata, e ne fa il Bugia, semplicemente un vino da sogno. Ed il 17 maggio, in una cena esclusiva riservata a trenta partecipanti, che si terrà a Frascati presso il ristorante Là Cucina con Vista, Bibi Graetz presenterà i suoi vini d’artista. L’autorevole batteria di vini proposta è di quelle che fanno sognare ogni enoappassionato.

Si partirà con i bianchi: il fresco Casamatta Bianco IGT Toscana (60% vermentino, 30% trebbiano, 10% moscato), il territoriale Vermentino 2012 (100% vermentino), il fantastico Bugia 2011 (100% ansonica). Dopo i tre bianchi, verranno declinati nei bicchieri i rossi: l’ottimo Soffocone 2010 (90% sangiovese, 7% canaiolo, 3% colorino), il mitico Testamatta 2009 (100% sangiovese), il raro Canaiolo 2009 (100% canaiolo), il prezioso Colore 2007 (1/3 di sangiovese, colorino, canaiolo). I vini saranno accompagnati dalle creazioni culinarie dello chef del Là Cucina con Vista, Paolo Martizi, che per l’occasione andrà ad abbinare ai vini di casa Graetz dei piatti della tradizione romana opportunamente rivisitati.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento