Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
27 Gennaio 2022

Pubblicato il

Operazione Seven

Frosinone, smantellate 7 piazze di spaccio: coordinate in “smart working”

di Redazione
La droga scambiata regolarmente a via Verdi, via Don Minzoni, viale Grecia e in altre strade

Maxi operazione antidroga a Frosinone. Questa mattina 3 dicembre il nucleo investigativo del comando provinciale dei carabinieri, su disposizione del Gip del tribunale di Frosinone ha eseguito 22 misure cautelari nel capoluogo di provincia nell’ambito dell’operazione “Seven” per spaccio di sostanze stupefacenti in concorso, in particolare cocaina e crack.

L’operazione ha permesso di smantellare 7 piazze di spaccio a Frosinone, che fruttavano all’associazione criminale quasi mezzo milione di euro al mese.

Nel dettaglio nelle 22 misure cautelari figurano tre persone in carcere, 11 ai domiciliari, 7 divieti di dimora e un obbligo di dimora.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Le indagini hanno permesso di accertare l’esistenza di sette piazze di spaccio a Frosinone: a via Verdi, via Don Minzoni, viale Grecia, via Casilina Nord, piazza Beata Maria de Mattias, via del Cipresso e corso Francia. I fermati sono di nazionalità italiana, albanese e romena.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Operazione Seven, un anno di indagini costanti

Le indagini, iniziate a novembre 2020, hanno consentito il 24 febbraio scorso di arrestare i primi tre soggetti per spaccio di cocaina. Attraverso le intercettazioni telefoniche e ambientali proseguite per tutto il 2021 è stato possibile delineare l’attività delle piazze di spaccio.

In particolare è emerso un quadro di tutte le fasi dell’attività illecita: dal reperimento della droga, al rifornimento, al controllo dei possibili blitz delle forze dell’ordine, alla vendita al dettaglio nei “punti vendita” la cui operatività era garantita 24 ore su 24, 7 giorni su 7, con un incasso medio giornaliero di 15 mila euro e mensile di circa 450 mila euro.

Frosinone, piazze di spaccio sui Social e in “smart working”

Gli indagati, inoltre, comunicavano solo su canali di comunicazione social (whatsapp, instagram, messenger), e concordavano via via gli incontri con gli acquirenti prendendo ordini. La quantità di droga era indicata come “birra”, “bulloni” o “ruote di scorta” e veniva anche recapitata a domicilio.

La platea di assuntori è risultata ampia e variegata, di età comprese tra i 18 e i 50 anni, e proveniente da numerosi comuni della provincia.

Uno degli arrestati, tra quelli condotti in carcere, nonostante fosse già in regime di detenzione domiciliare, aveva un ruolo di primo piano nella gestione delle piazze di spaccio di Frosinone.

Il soggetto “lavorava da casa” avvalendosi della collaborazione degli altri fermati oggi.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo