Vuoi la tua pubblicità qui?
25 Ottobre 2020

Pubblicato il

Frosinone, studenti senza riscaldamento

di Redazione

La situazione riguarda 124 istituti ciociari, tra i quali spiccano quelli di Alatri, Anagni e Cassino

Situazione surreale in 124 scuole superiori della Ciociaria. Gli studenti sono costretti a seguire le lezioni incappucciati per resistere al freddo delle aule, proprio nei giorni in cui le temperature sono scese sensibilmente.

Vuoi la tua pubblicità qui?

I riscaldamenti sono fuori uso. Secondo "Il Messaggero" la causa va ricercata in una serie di problemi tecnici e organizzativi dovuti al passaggio di consegne tra due società nella gestione degli impianti di competenza su tutto il territorio provinciale. A Palazzo Gramsci, infatti, nei mesi scorsi, tramite Consip, essendo in scadenza il contratto con la precedente società, la gestione del riscaldamento è tornata ad essere oggetto di una gara d'appalto. In occasione del passaggio di consegne tra le due società che si sono verificati i problemi di natura tecnica e organizzativa, legati al rifornimento del carburante ad esempio, alla funzionalità delle schede elettroniche o alla gestione del telecontrollo.

Come era logico aspettarsi, gli studenti sono sul piede di guerra e minacciano di scendere in piazza. La Fds(Federazione degli studenti) ha diffuso un duro comunicato:"Non vogliamo restare passivi dinanzi a questa oscenità. Intendiamo sensibilizzare in maniera chiara l’opinione pubblica su un problema che sta mettendo a rischio il regolare svolgimento delle lezioni e che va, dunque, in direzione diametralmente opposta a quello che dovrebbe essere il sacrosanto diritto all’ istruzione".

Prima di organizzare una manifestazione, i ragazzi hanno chiesto un colloquio con il Commissario straordinario della Provincia di Frosinone, Giuseppe Patrizi. In loro rappresentanza parteciperebbe il presidente della Consulta Provinciale degli studenti, Marco Tallini.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento