Vuoi la tua pubblicità qui?
24 Settembre 2021

Pubblicato il

Frosinone, tragedia a Ceprano: si suicida tagliandosi la gola

di Redazione
Un 55enne si è tagliato la gola con un coltello da cucina nel bagno. Quando la moglie l'ha visto è fuggito

Ha deciso di farla finita tagliandosi la gola con un coltello da cucina  al termine di una vicenda tanto concitata quanto drammatica. La tragedia è avvenuta nella notte tra sabato e domenica a Ceprano, dove un uomo di 55 anni, sposato con una figlia e dipendente di un istituto di credito del posto, ha tentato il suicidio in casa, per poi scappare e farla finita all'interno della propria automobile.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il giornale "Ciociaria Oggi" ha raccontato i dettagli di questa vicenda, le cui motivazioni sono al momento poco chiare. Come sopra riferito, tutto è cominciato nella casa dell'uomo, che si è rinchiuso nel bagno per mettere in atto il suicidio utilizzando un coltello da cucina. Tuttavia la consorte ha intuito che stava accadendo qualcosa di strano ed ha così fatto irruzione nel bagno servendosi di una forchetta. A quel punto, il 55enne, che già si era procurato delle ferite, non ha desistito  ma si è dato alla fuga, salendo a bordo della propria auto.

La moglie non è riuscita a bloccarlo e ha subito allertato i Carabinieri, i quali hanno immediatamente fatto scattare le ricerche, terminate nella mattinata di domenica ad Arce, dove un uomo ha notato la Volkswagen in una strada di campagna, con il 55enne di Ceprano privo di vita. Gli inquirenti sono al lavoro per ricostruire le cause del gesto estremo compiuto dal dipendente di banca, piuttosto conosciuto a Ceprano. Molto probabilmente sulla salma verrà disposta l'autopsia. Nel frattempo sono giunte alcune indiscrezioni secondo le quali l'uomo soffrisse da qualche tempo di depressione ma si tratta di ipotesi che necessitano di conferma.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo