Vuoi la tua pubblicità qui?
12 Maggio 2021

Pubblicato il

Frosinone, tragedia ad Anagni: morto uomo alla stazione

di Redazione

Un ragazzo fiuggino di 31 anni si è suicidato, attendendo l'arrivo del treno per farsi colpire di proposito

Tragedia oggi pomeriggio alla stazione ferroviaria di Anagni-Fiuggi: un uomo è deceduto sui binari. In base alle prime notizie giunte pare che la vittima sia un uomo di colore.

AGGIORNAMENTO ORE 18.45: secondo alcune indiscrezioni, comunque da confermare, la vittima sarebbe un ragazzo sulla trentina residente a Fiuggi. Del caso si sta occupando la Polfer di Colleferro e i Carabinieri di Anagni. Ovviamente si registrano forti ritardi sulla tratta interessata, ovvero la Roma-Cassino, in direzione Ciociaria da Roma Termini.

Vuoi la tua pubblicità qui?

AGGIORNAMENTO ORE 19: emergono particolari inquietanti sull'incidente, verificatosi intorno alle 17.30 odierne. L'uomo sarebbe, infatti, stato decapitato da un treno in corsa proveniente da Roma Termini, che gli ha reciso anche il braccio. Da chiarire il motivo di questo violento impatto. Il macchinista non si sarebbe accorto di nulla, mentre purtroppo in molti si sono accorti del corpo privo di vita della vittima, sfigurato dopo l'impatto con il convoglio.

AGGIORNAMENTO ORE 19.40: giungono notizie più circostanziate. La tragedia assume contorni ancora più drammatici, dal momento che si è trattato di un suicidio di un ragazzo di 31 anni. Bryan De Santis., che viveva a Fiuggi ed era figlio del proprietario di un locale situato nella città termale, aveva provato in precedenza a togliersi la vita e oggi, purtroppo, il suo piano è andato in porto. Il ragazzo – questo è quanto ha raccontato un testimone – ha infatti atteso il passaggio del treno 21915 per accovacciarsi e farsi colpire di proposito. L'impatto non gli ha lasciato scampo, dal momento che è rimasto decapitato.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento