Vuoi la tua pubblicità qui?
09 Maggio 2021

Pubblicato il

Gallinaro (Fr), individuata Casa chiusa: denunciato sfruttatore romeno

di Redazione

La donna raccontava le angherie subite dall’uomo, che l’avrebbe indotta a prostituirsi, favorendola in tale attività all’interno di un appartamento verosimilmente di Picinisco

Nella giornata di ieri, i Carabinieri della Stazione di San Donato Val Comino intervenivano presso un’abitazione di Gallinaro, a seguito della telefonata di alcuni vicini che avevano udito delle urla. Prontamente giunti sul posto, i militari identificavano all’interno dell’abitazione un cittadino romeno 35enne residente a Picinisco (con precedenti in Romania per furto) e una ragazza italiana ventenne.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La donna riferiva immediatamente di essere stata aggredita e minacciata dal convivente, geloso di lei perché non voleva che uscisse di casa con degli amici. Accompagnata in caserma, la ragazza dapprima cercava di minimizzare l’accaduto, rifiutando  anche eventuali cure mediche, ma dopo aver preso coraggio e fiducia negli operanti, raccontava le angherie subite dall’uomo, che l’avrebbe indotta a prostituirsi, favorendola in tale attività all’interno di un appartamento verosimilmente di Picinisco  ed attualmente  a Gallinaro, ove i due si erano trasferiti da circa una settimana.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Stante l’assenza della flagranza e pertanto l’impossibilità di procedere all’arresto, il cittadino romeno veniva deferito in stato di libertà alla Procura di Cassino per percosse, minaccia aggravata nonché per induzione e sfruttamento della prostituzione. L’uomo verrà inoltre proposto per la misura di prevenzione del rimpatrio con foglio di via obbligatorio, con divieto di ritorno nel comune di Gallinaro per anni tre. La ragazza veniva allontanata dal suo aguzzino e affidata alle cure della Caritas locale.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento