Vuoi la tua pubblicità qui?
18 Maggio 2021

Pubblicato il

Giovane salvato nelle acque della Cala Guitgia a Lampedusa

di Redazione

Antonino Signorello rianima un giovane richiedente asilo prima dell'arrivo del 118

Una domenica impegnativa, quella di ieri 28 luglio, presso la zona di Cala Guitgia, a Lampedusa. La spiaggia gremita di persone tra cui molti turisti romani. Un gruppo di ragazzi, ospitati presso il centro di accoglienza dell'isola, anche loro in cerca di un momento di svago e divertimento, hanno scelto di fare il bagno proprio in questa caletta, dove non vi è la presenza di sorveglianza bagnanti.

Ad un certo punto uno di loro, poco più che quindicenne, è annegato. Le richieste di aiuto da parte dei suoi compagni di bagno hanno attirato l'attenzione di alcuni turisti romani e del sig. Antonino Signorello, conosciuto sull'isola come Tony. Il ragazzo romano e Tony si sono immediatamente tuffati e hanno portato il ragazzo del centro di accoglienza sulla banchina della Guitgia. La situazione è apparsa subito seria, ma Tony con il brevetto da assistente bagnanti e con la sua esperienza pluridecennale in questa mansione ha subito messo in atto le pratiche di primo soccorso, avendo subito attivato i soccorsi sanitari che sono giunti quando Tony era già riuscito a riportare i parametri vitali del giovane richiedente asilo con le manovre di rianimazione cardiopolmonare.

Il ringraziamento di tutti i bagnanti presenti nella spiaggia per Tony e la sua professionalità e senso del dovere, nonostante le acque nelle quali si è svolto il fatto non fossero sotto la sua egida. Bravo Tony e la solidarietà dei turisti tutti.

Vuoi la tua pubblicità qui?

LEGGI ANCHE:

Vuoi la tua pubblicità qui?

Anche le polemiche sulla foto di Hjort bendato offendono la memoria di Cerciello

Ciclismo. Marta Bastianelli, di Lariano, nuova campionessa italiana su strada

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento