Vuoi la tua pubblicità qui?
21 Settembre 2021

Pubblicato il

Gli ritirano la patente ma continua a guidare e causa frontale

di Redazione
E' accaduto la scorsa notte a Terracina: un 35enne tunisino coinvolto in un incidente che ha provocato 3 feriti

Brutto incidente avvenuto a Terracina nella scorsa notte. Uno scontro frontale si è verificato in via Gregorio Antonelli, provocando il ferimento di tre persone, le cui condizioni sembra che non siano gravi. Farà sicuramente discutere la modalità con le quali si è verificato il sinistro. Il sito h24notizie riferisce che, verso la mezzanotte, una Toyota Yaris guidata da un 35enne tunisino e sulla quale viaggiavano tre persone, si è scontrata frontalmente con una Bmw, sulla quale viaggiava un 40enne in compagnia della fidanzata.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il nocciolo della questione è rappresentato dal fatto che circa 4 ore prima al tunisino era stata ritirata la patente dalla Polizia Stradale, che lo aveva sorpreso alla guida senza assicurazioni. Il 35enne, noncurante di quanto accaduto, ha continuato a guidare e, sebbene la dinamica del frontale sia in corso di accertamento, adesso rischia in ogni caso grosso. La sua posizione potrebbe ulteriormente aggravarsi se l'acol test al quale è stato sottoposto darà esito positivo.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Per giunta, all'arrivo dei sanitari del 118 e degli agenti della Polstrada di Terracina, alcune persone che viaggiavano insieme al tunisino sulla Yaris (in base alle prime testimonianze sarebbero tre) sono fuggite di corsa. Il tunisino e la coppia a bordo della Bmw sono stati trasportati all'ospedale Fiorini per medicare le ferite, che per fortuna non sono gravi. Tutti e tre sono già stati dimessi. Data la violenza dello scontro, poteva andare decisamente peggio ma la vicenda non è ancora chiusa, visto quello che ha combinato il 35enne e l'inopinata fuga dei suoi amici.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo