Vuoi la tua pubblicità qui?
08 Dicembre 2021

Pubblicato il

Il suicidio, arma preferita dai jihadisti, è vietato dall’Islam

di Redazione
Gli attacchi kamikaze, sono il mezzo preferito dai jihadisti per compiere stragi in nome dell'Islam, ma il Corano condanna il suicidio

Gli attacchi terroristici degli ultimi tempi, sono compiuti, nella maggior parte dei casi, da uomini kamikaze, che decidono di morire in nome dell'Islam. Tuttavia, il Corano, testo sacro dei musulmani, vieta categoricamente il suicidio, condannando esplicitamente l'atto:" E non uccidete voi stessi, Allah, in verità, è Misericordioso verso di voi. E chiunque commetta ciò, per eccesso o per iniquità, Noi lo getteremo nel fuoco, la cosa che è semplice per Allah".

Vuoi la tua pubblicità qui?

Per l'Islam, quindi, coloro che si suicidano, sono destinati all'inferno. Ma allora, perché il suicidio è diventata l'arma preferita dai jihadisti?

Vuoi la tua pubblicità qui?

Nella retorica jihadista, il kamikaze, è un martire che muore per la fede e per difendere i musulmani. Questo ideale gli da' automaticamente un posto in paradiso.Come dice uno dei teologi sunniti più importanti al mondo, Yusuf al-Karadawi:" Le operazioni dei martiri, sono l'arma che Dio da' ai poveri per combattere i forti. Si tratta della compensazione divina".

Il suicidio è quindi l'atto finale. La prova più grande per dimostrare al mondo, ma soprattutto alla propria comunità, che per prima li rinnega per la loro vita al di fuori degli schemi islamici, che loro sono ancora più meritevoli, pagando il prezzo del martirio.

 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?