Vuoi la tua pubblicità qui?
17 Maggio 2021

Pubblicato il

Incendio Tmb Salaria: tutta Roma vede il fumo dei rifiuti in fiamme

di Redazione

In alcuni punti l'aria è irrespirabile, alcuni residenti in zona Villa Spada hanno fatto le valigie e si sono allontanati

Un incendio di grandi proporzioni tra la notte e l'alba ha investito il capannone dell'Ama dove sono stivati rifiuti indifferenziati, il Tmb Salario, su via Salaria, adiacente agli studi Sky e alla Motorizzazione Civile. Il Tmb dell'Ama, (letteralmente Trattamento Meccanico Biologico) è una tecnica di trattamento a freddo dei rifiuti indifferenziati) è da anni al centro di polemiche tra Comune e residenti per via dei disagi che crea, sia dal punto di vista ambientale (ad oggi è ancora vaga la valutazione dell'impatto ambientale e degli effetti dell'impianto sul territorio e sulla comunità) che sulla salute dei cittadini e l'incendio di oggi non fa altro che alimentare nuovi veleni sulle responsabilità del buon funzionamento dell'impianto e soprattutto sulla sua permanenza in quel sito. L'incendio è ancora seguito dai Vigili del Fuoco che hanno provveduto a spegnere le fiamme e stanno tenendo sotto controllo il fumo, impetuoso, che ancora fuoriesce e che oggi è visibile in quasi ogni punto della Capitale.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Una colonna di fumo persistente che ha fatto preoccupare i romani e che ha consigliato i responsabili del Comune di Roma a raccomandare ai cittadini di chiudere le finestre (probabilmente gli interessati lo avevano già fatto…). Alcuni residenti nelle zone adiacenti sono stati costretti a fare le valigie e allontanarsi, una coppia con bambini ci ha raccontato la disavventura di questa mattina…Fuori da tutto il vero problema è come risolvere una domanda urgente che la Capitale fa da tempo alle sue istituzioni.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Dove li mandiamo i rifiuti di Roma? Lo accettereste un inceneritore in città?

Si gira intorno a una delle priorità che spingono di più per avere una risposta. Se le discariche vanno evitate, se mandare i rifiuti fuori dal nostro Comune, via dalla nostra Regione, oltre i confini nazionali, costa troppo e non risolve l'urgenza, perché non affrontare seriamente la possibilità di installare un inceneritore di ultima generazione che in altre città funziona e convive con la giusta richiesta dei cittadini del rispetto del diritto di garanzie per la salute personale e ambientale?  L'esempio di Brescia, un inceneritore che non produce cattivi odori ma soprattutto registra costantemente emissioni con valori inferiori ai parametri di legge, è lì da anni a indicarci una strada possibile, non sappiamo se sia la via migliore ma tutto è meglio dell'immobilismo a cui siamo costretti.

La conferenza stampa della sindaca Virginia Raggi e del ministro Sergio Costa e la contestazione

La sindaca di Roma Virginia Raggi e il ministro dell'Ambiente Sergio Costa, hanno tenuto una conferenza stampa nella quale nessuna affermazione degna di nota è stata espressa. Memorabili solo le parole del ministro Costa: "Il problema va risolto subito"… Incisive invece le frasi che alcuni residenti contestatori hanno rivolto alle istituzioni: “Incapaci. Incompetenti. Dovete vergognarvi, qui la gente muore… Questo impianto va chiuso”. E' lampante l'incapacità delle Istituzioni, sia a livello nazionale che a livello locale di provvedere ai problemi dei cittadini, la classe dirigente della politica italiana risulta sempre di più inadeguata a governare la res publica.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Leggi anche:

Scuola. Il ministro sorprende: “Pochi compiti per le vacanze di Natale”

Strage discoteca: spray "Ebbasta"? E' solo una gang di teppistelli?

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento