Vuoi la tua pubblicità qui?
17 Aprile 2021

Pubblicato il

Incidente mortale sull’Aurelia a Tarquinia: scomparso 19enne

di Redazione

Nicole Timofte ha perso la vita a causa di un frontale, nel quale sono rimaste ferite 6 persone, 2 dei quali sono gravi

Tragedia sulla via Aurelia. Nel pomeriggio di ieri, poco dopo il bivio per Monte Romano (al chilometro 87) Nicole Timofte, un ragazzo di appena 19 anni, è morto dopo che la Fiat Cinquecento che stava guidando in direzione Civitavecchia si è scontrata frontalmente con una Punto. Le dinamiche del sinistro sono ancora poco chiare e i Carabinieri di Tarquinia sono al lavoro per raccogliere elementi utili ai fini delle indagini, mentre il  pm di Civitavecchia, Paolo Calabria, ha disposto l’autopsia. In base alle prime ricostruzioni sembra che Nicolai, che viaggiava insieme al padre e a un altro parente, si sia avvicinato alla corsia opposta, urtando una Nissan Micra in corrispondenza dello specchietto. Pochi istanti dopo vi sarebbe stato lo schianto fatale con la Punto, a bordo della quale vi erano 4 uomini italiani. Alcuni testimoni avrebbero riferito che la Fiat Cinquecento di Nicolai si sia avvicinata in maniera pericolosa vicino alle vetture che procedevano in direzione Tarquinia ma al momento non si hanno certezze sulle cause dell'incidente.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Purtroppo, la certezza è che il 19enne è morto sul colpo. Il personale del 118 non ha potuto fare altro che constatare il decesso. Sul posto anche i Vigili del Fuoco, che sono intervenuti per estrarre dalle lamiere le altre persone coinvolte nello schianto. Anche loro hanno riportato serie conseguenze: 5 di loro si trovano ricoverati all'ospedale di Civitavecchia, 4 in codice giallo e uno in codice rosso. In codice rosso pure un altro uomo, il quale è stato però trasferito al Policlinico Gemelli di Roma. Meno preoccupanti le condizioni del padre di Nicolai, che è addirittura uscito autonomamente dalla vettura. Resta, però, il dolore lancinante di aver perso il proprio figlio, un dolore interiore che solo un genitore che vive simili episodi può comprendere.

Vuoi la tua pubblicità qui?

 

 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento