20 Ottobre 2021

Pubblicato il

Incidente mortale sulla Nettunense, deceduto 51enne di Roma

di Redazione
I fatti ad Ariccia: Pasqualino Alberghetti, residente a Giardinetti e titolare di una ditta a Ciampino, si è schiantato con il suo camion contro un'auto

Gravissimo incidente nelle prime ore della mattinata sulla via Nettunense all'altezza del km 7, nel territorio compreso nel comune di Ariccia, al confine con Cecchina. Un uomo di 51 anni – riferisce il sito Il Caffè – ha perso la vita mentre era alla guida di un camion che trasportava rifiuti speciali, che si è andato a schiantare contro un'auto, dopo aver invaso la carreggiata opposta.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il nome della vittima è Pasqualino Albergetti, residente a Roma nel quartiere Giardinetti e titolare di una ditta attiva nel campo ecologico con sede a Ciampino (GP Ecologia), che gestiva insieme al fratello e i nipoti. Proprio un nipote era in viaggio insieme a lui a bordo di un altro camion e ha visto in diretta il tragico schianto. Secondo le prime indiscrezioni circolate sembra che il 51enne avesse avvisato il nipote di avvertire dei forti dolori al petto.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Fatto sta che il camion, dopo aver centrato l'auto, una Opel Meriva guidata da un 41enne di Ariccia, che stava tornando a casa dopo aver staccato dal suo lavoro all'aeroporto di Ciampino, è finito fuori strada. Per Pasuqalino Alberghetti, purtroppo, non c'è stato nulla da fare: il trasporto d'urgenza da parte dei sanitari del 118, giunti sul posto insieme alla Polizia Stradale di Albano, si è rivelato inutile. L'uomo è infatti deceduto ancora prima di arrivare in ospedale. Il 41enne, invece, non avrebbe riportato serie conseguenze, se non un enorme spavento per l'accaduto. Nel frattempo, sul fronte viabilità è stato istituito il senso unico alternato e ancora in questi minuti il traffico risulta rallentato all'altezza di Cecchia (km 8,9).

Tornando al fatto più rilevante, ossia la scomparsa di una persona, Alberghetti lascia una moglie e un figlio di 20 anni, ai quali non può non andare un pensiero di vicinanza. Così come al nipote che ha visto con i suoi occhi la tragica fine dello zio.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo