Vuoi la tua pubblicità qui?
23 Settembre 2021

Pubblicato il

Incidente stradale

Incidente Roma. 25enne ucciso da pirata della strada: fugge e poi si costituisce

di Livia Maccaroni
Ragazzo su scooter travolto e ucciso: il pirata della strada fugge dopo l’impatto, per poi presentarsi davanti ai carabinieri e costituirsi
Intervento dei carabinieri
Intervento dei carabinieri

È avvenuto questa notte a Roma, intorno alle 5:30, all’incrocio tra via Ostiense e il ponte Settimia Spizzichino. Un giovane 26enne che viaggiava a bordo di uno scooter elettrico ha perso la vita all’alba, dopo essersi scontrato con un automobile nel quartiere romano. Il pirata della strada è fuggito via subito dopo lo scontro, proseguendo la sua corsa.

Vuoi la tua pubblicità qui?

L’intervento immediato

Sul posto sono intervenuti, oltre ai sanitari del 118 e alla polizia locale di Roma Capitale, i carabinieri della stazione Garbatella. Sono stati proprio i militari in transito su via Ostiense a essere chiamati da un gruppo di ragazzi che segnalava la presenza del giovane a terra.

Il decesso

Purtroppo il giovane è deceduto poco dopo l’impatto, nonostante i tentativi di medici e operatori sanitari. Ma la fuga per il pirata della strada è durata poco. 

Vuoi la tua pubblicità qui?

L’arresto

Nel pomeriggio gli agenti del Gruppo VIII Tintoretto hanno arrestato l’automobilista, accusato di omicidio stradale e omissione di soccorso. I vigili erano risaliti alla macchina attraverso le immagini delle telecamere di videosorveglianza della zona e al racconto di alcuni testimoni. Poche ore dopo l’incidente, gli agenti avevano ritrovato il veicolo. Quando ormai erano sulle tracce del responsabile, il 25enne si è presentato alla stazione di via Cincinnato.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Gli ultimi accertamenti

L’auto è stata posta sotto sequestro e il conducente è stato arrestato. Il 25enne è stato sottoposto agli accertamenti di rito sull’assunzione di alcol e droga, di cui si attende l’esito. I rilievi sul luogo dell’incidente sono durati a lungo. A distanza di quasi quattro ore tutta l’area era ancora interdetta.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo