05 Agosto 2020

Pubblicato il

Intervista a Elena Bonelli: dallo stornello al rap ora è anche un libro

di Redazione

Elena Bonelli nell' intervista racconta il motivo che l'ha spinta a questa iniziativa: "Avvicinare la canzone romana tradizionale ai giovani"

Elena Bonelli, dallo stornello al rap
Elena Bonelli, dallo stornello al rap

Intervista a Elena Bonelli, attrice e cantante romana di successo. Da dove nasce “Dallo stornello al rap”?

Nasce dall’idea di avvicinare la canzone romana tradizionale ai giovani perché succedeva di avere sempre un pubblico piuttosto adulto, ma quando arrivavano i giovani, loro rimanevano colpiti ed entusiasti di conoscere la canzone romana tradizionale. Ho pensato allora a quale fosse un modo per avvicinarli attraverso canali e modalità che potessero interessarli e, dallo studio e dagli approfondimenti sulla storia della canzone romana, ho trovato la connessione tra stornello e rap che sono, né più né meno, l’uno il precursore, l’embrione e la radice dell’altro. Entrambi i generi hanno le stesse modalità metriche, di intenti, di protesta diciamo.

Così è nato Dallo Stornello al Rap, anche dalla mia volontà di voler promulgare in Italia e nel mondo la storia della canzone romana. Con Dallo Stornello al Rap, che è anche diventato un libro, la storia della canzone romana per la prima volta viene raccontata nei minimi dettagli, in modo completo, partendo dall’antica Roma e arrivando fino a oggi.

Hai lanciato molti giovani artisti emergenti… chi ti ha colpito di più tra loro?

Cranio Randagio e Mirkoeilcane ovviamente. Cranio aveva qualcosa di particolare in sé, l’ho avuto molto vicino in tante manifestazioni. Era un ragazzo adorabile, con lui in macchina si passava a parlare dalla musica all’ingegneria, in cui lui si era appena laureato. Era molto gentile e raffinato, e sono davvero dispiaciuta della sorte che gli ha voluto così male. È stato il primo vincitore del primo concorso ed io, come promesso alla mamma, lo ricorderò in ogni dedizione. Mirkoeilcane dopo il mio concorso ha fatto un salto strordinario tranto da arrivare a vincere numerosi premi a Sanremo con una canzone davvero splendida.

Sono anche felice della realizzazione di tutti gli altri vincitori Emilio Stella, Nicole Riso, Simone Gamberi, i Lontano da qui e tutti gli altri.

“Dallo stornello al rap” è anche un libro che verrà presentato in varie località… dove precisamente?

Il 23 Luglio a Roma lo abbiamo presentato all’Antica Società Romana Barcone Lungotevere Augusta (Ara Pacis); il 24 Luglio sempre a Roma a La Feltrinelli di Euroma 2; il 25 Luglio a Nettuno al Forte Sangallo ospite del Guerre & Pace FilmFest; il 1 Agosto a l’Oasi di Fregene e l’8 Agosto sarò a Bracciano con un concerto.  

Hai ricordato il grande Maestro Ennio Morricone. Che ricordo hai di lui?

Credo che il ricordo mio somiglia a quello di tante altre milioni di persone nel mondo che ricordano la grandezza dell’uomo unita a quella dell’artista e unita ad una profonda umiltà e semplicità che solo i geni consegnati alla memoria dei secoli possono avere. Il Maestro mi ha onorata della sua presenza a teatro e non si è risparmiato alla fine dello spettacolo “Magnani Ferri – Vite da Romanzo” nel salire sul palco e spendere delle parole di apprezzamento per me, per lo spettacolo e per il mio gruppo di musicisti. Ma non è finita qui, il giorno dopo quando l’ho ringraziato al telefono mi ha detto “No sono io che ringrazio lei, avete fatto uno spettacolo meraviglioso”. Al che quando io gli ho detto “Ma che dice Maestro, guardi che io la registro questa telefonata” e lui ridendo mi ha detto “Registri pure”.

E io ho questa registrazione che porterò con me per tutta la mia vita. Mi aveva detto poi di andare a casa sua per portargli il libro ma poi è scoppiato il Covid e purtroppo non l’ho più visto. 

Progetti futuri?

Continuo a portare avanti il concorso arrivato alla sesta edizione, e ricordo che le iscrizioni sono aperte fino al 31 Agosto e tutte le info e il regolamento sono sul mio sito www.elenabonelli.com. Inoltre continuo a lavorare per i giovani e con i giovani e continuo con i miei concerti a cantare canzoni romane. Ho anche scritto un trattamento meraviglioso insieme a Stefano Reali sulla vita di Anna Magnani che presto diventerà un film. 

 

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento

Condividi