07 Marzo 2021

Pubblicato il

Oriolo Romano, l’amante lo lascia e lui dà fuoco al chiosco dell’amica

di Redazione

Arrestato a Oriolo Romano un 60enne di Tolfa, che ritiene la donna responsabile della fine della relazione con l'amante

I Carabinieri della Stazione di Oriolo Romano con l’ausilio dei colleghi di Vejano e del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Ronciglione hanno tratto in arresto un uomo 60nne di Tolfa per minaccia aggravata e incendio doloso. L’uomo in passato sembra avesse una relazione extraconiugale con una donna di Oriolo Romano. Questa relazione era terminata da qualche tempo ma l’uomo non aveva mai accettato la cosa e  imputava  a una amica della sua ex amante la colpa del termine della suddetta relazione. Più volte e anche davanti a testimoni aveva minacciato la donna di darle fuoco e di ucciderla, ma le minacce erano state prese alla leggera pensando che erano solo lo sfogo per il livore che l’uomo ancora provava.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Sabato mattina la donna dopo aver chiuso il chiosco dei fiori in prossimità del cimitero di Oriolo Romano, mentre si allontanava aveva notato in paese l’autovettura dell’ex amante della sua amica che vagava, senza dare troppa importanza al fatto si era recata, come faceva abitualmente, a casa. Dopo qualche minuto, la donna ha ricevuto una chiamata dei Carabinieri che l’hanno avvertita dell’incendio divampato presso il chiosco. Giunta sul posto ha solo potuto constatare la totale distruzione del chiosco con tutto ciò che vi era contenuto per un valore di circa 70.000 euro.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Ai Carabinieri non è rimasto che ricevere la denuncia della donna ed una volta raccolti tutti gli elementi di effettuare una perquisizione a casa del sospettato. Qui i militari hanno trovato nell’auto segnalata dalla vittima ancora le taniche con all’interno la benzina usata per appiccare l’incendio e gli accendini. L’uomo è stato dichiarato immediatamente in stato di arresto per i reati di incendio doloso e minaccia aggravata e trasferito presso il carcere di Civitavecchia a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento