Vuoi la tua pubblicità qui?
11 Maggio 2021

Pubblicato il

La depressione diagnosticata con esame del sangue, grazie a un italiano

di Redazione

Graziano Pinna, sardo, docente presso la University of Illinois a Chicago, neuroscienziato e ricercatore di fama internazionale

La depressione a breve si diagnosticherà con un esame del sangue. Il paziente poi verrà seguito dal suo medico specialista attraverso una semplice app sullo smartphone. Scienza, tecnica, medicina, tecnologia e farmacologia, in uno studio integrato possibile oggi, dà risultati unici. Chi è dietro tutto questo? Un italiano. Graziano Pinna, sardo, docente presso la University of Illinois a Chicago, neuroscienziato, ricercatore di fama internazionale, le sue ricerche sono pubblicate in prestigiose riviste scientifiche e presentate in un centinaia di conferenze fra cui il “Neuroscience Meeting” negli USA. Spesso chiamato a commentare come esperto i comunicati stampa su articoli scientifici inerenti la psichiatria e le neuroscienze.

Insieme al gruppo della sua università ha intercettato un recettore presente nel cervello e nel sangue, che ha anche la funzione di un potente regolatore dell’umore. Così si attualizzano aspetti medici rimasti troppo tempo senza novità da decenni. In questi mesi sarà disponibile nelle farmacie degli Stati Uniti d’America il farmaco contro la depressione.

Questa patologia tocca l’80% delle donne nei periodi particolari come nel post partum, colpita da una forma depressiva molto grave che può causare situazioni pericolose non solo per sé. A lui va il nostro grazie mondiale per i suoi risultati.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Foto Graziano Pinna presa da: amicomario.blogspot.com

Vuoi la tua pubblicità qui?

Fiamma Satta,“Io e Lei” Confessioni della Sclerosi Multipla, Mondadori

Metodo Di Bella: la prevenzione farmacologica non tossica dei tumori

 

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento