Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
22 Gennaio 2022

Pubblicato il

Europa League

La Lazio non punge, il Galatasaray è primo nel girone: biancocelesti ai playoff

di Redazione
Ora i biancocelesti dovranno attendere il sorteggio di lunedì sperando di evitare le squadre più forti scese dalla Champions League

Niente da fare per la Lazio, che sbatte sul muro giallorosso turco e non riuscendo ad abbatterlo, vede sfumare il primo posto nel girone e la qualificazione diretta agli ottavi di finale di Europa League. Una Lazio poco brillante e opaca che non riesce a fare gioco chiusa da un Galatasaray molto attento, arrivato all’Olimpico pensando più a difendersi che a fare la partita.

Tifosi delusi

Tifosi delusi e amareggiati che si aspettavano sicuramente tutt’altra partita, e che si sono trovati di fronte ad una Lazio spenta e a tratti svogliata è confusa. C’è chi se la prende con l’atteggiamento della squadra in campo, chi con la società per i mancati rinforzi. Adesso la Lazio deve aspettare il sorteggio di lunedì, sperando che sia benevolo, con la speranza di evitare le squadre più forti scese dalla Champions League.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La partita

Andando alla cronaca della partita, il primo tempo vede una Lazio davvero ingessata e poco pungente e un Galatasaray chiuso è concentrato. È proprio la squadra turca di Istanbul ad andare vicino al vantaggio colpendo un palo su azione da calcio d’angolo. Nel secondo tempo, il copione non cambia, con una Lazio che fatica a trovare spazi. Ci provano Immobile e Luis Alberto, ma il trend non cambia e la partita termina con uno scialbo 0-0.

Prossimo impegno contro il Sassuolo

Prossimo impegno per la squadra di Sarri sarà domenica pomeriggio al Mapei Stadium di Reggio Emilia contro il Sassuolo, che in casa è stato capace di fermare il Napoli per 2-2.

Vincenzo Cirasola, ForzaLazioWebTv.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo