Vuoi la tua pubblicità qui?
11 Maggio 2021

Pubblicato il

La scomparsa del Dott. Valerio Nobili e il ricordo di un collega

di Redazione

"L'ho conosciuto quando, da specializzando in pediatria, cominciò a frequentare il San Pietro Fatebenefratelli di Roma..."

"Ho conosciuto e cominciato ad apprezzare Valerio Nobili, quando da specializzando in pediatria cominciò a frequentare il nostro ospedale (il San Pietro Fatebenefratelli di Roma) nel 1993. Iniziò il lavoro nella nostra struttura nel 1995. Sempre positivo solare e disponibile era di una dedizione e laboriosità contagiosa. Abbiamo organizzato per tre anni di seguito, sotto la supervisione del Dr.Vannicelli, seminari di aggiornamento in Pediatria e Neonatologia, per il triennio 96/99, sempre frequentatissimi e di livello, e l'apporto di Valerio era sempre intelligente e costruttivo. Ma come poi ribadirò più avanti, l'aspetto più rimarchevole era la disponibilità e la spontanea gratuità del carattere di Valerio, era forse il più brillante dei colleghi e al contempo era sempre a disposizione del gruppo. Quando mi disse che ci avrebbe abbandonato nel '99, perché chiamato dal Bambino Gesù, gli dissi fai bene, ma almeno vediamoci per qualche partita. E già perché il Dott. Nobili era anche un atletone di un metro e 90, che praticava oltre al calcio anche il tennis. Ora il disorientamento per la sua improvvisa e troppo precoce fine è totale, ma nonostante non me ne faccia ancora una ragione, ringraziamo il Signore per il tempo che ci ha dato per camminare assieme a lui in questo Mondo.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Ancora due parole per far capire chi è Valerio. Un medico seppur ancora  giovane, ma con il cuore grande, che forse lo avrà tradito, sempre pronto all'abbraccio e al farsi carico dei patemi e dei problemi che di volta in volta gli rivolgevo. "Alfredì, che te possino, sono appena uscito, come se chiama 'sto ragazzino al Pronto Soccorso?" e venti minuti dopo arrivava il messaggio rassicurante: "Tutto sotto controllo, ma quando ci vediamo?". Valerio ci mancherà, perché  faceva tutto con la naturalezza e l'umiltà della persona fuori dal comune, che incontravi per caso e la tua ansia non c'era più perché era lui a farsene carico. Quando ho appreso la notizia, ho pensato che il destino è veramente imperscrutabile e tutti noi dobbiamo raddoppiare i nostri sforzi perché un angelo se ne è tornato a casa. Perdonatemi per questo ricordo, ma avendolo avuto per tanti anni come amico e collega, queste per me sono giornate velate da profonda  tristezza".

Vuoi la tua pubblicità qui?

*Il ricordo di Alfredo Arìsta

Vuoi la tua pubblicità qui?

 

Leggi anche

Reddito, M5S: attenzione verso disabili e chi lavora ma guadagna poco

Brambilla: Animali non sono cose, ma esseri senzienti. Raccolta firme

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento