Vuoi la tua pubblicità qui?
13 Maggio 2021

Pubblicato il

La statua di Gabriele D’Annunzio fa infuriare la Croazia

di Redazione

Con una nota consegnata all'ambasciatore d'Italia a Zagabria, si condanna nel modo più deciso l'inaugurazione del monumento del Vate a Trieste

Trieste commemora e la Croazia protesta. Con una nota consegnata all'ambasciatore d'Italia a Zagabria, la Croazia ha "condannato nel modo più deciso" l'inaugurazione della statua di Gabriele D'Annunzio a Trieste "proprio nella giornata che marca il centenario dell'occupazione" di Fiume. Lo si apprende da un comunicato del ministero degli Esteri croato inviato all'Ansa. È un atto, si legge nella nota, che "contribuisce a turbare i rapporti di amicizia e di buon vicinato tra i due Paesi".

"Nonostante si tratti di una decisione delle autorità locali, e non statali, questo atto – si legge nel comunicato – come anche le commemorazioni dell'occupazione di Fiume in altre città italiane, contribuiscono a turbare i rapporti di amicizia e di buon vicinato tra i due Paesi".

Inoltre, secondo il ministero degli Esteri croato, le commemorazioni dell'impresa fiumana iniziata il 12 settembre del 1919 e la statua del poeta a Trieste "sono anche un omaggio a un'ideologia e a un comportamento profondamente in contrasto con i valori europei".

Vuoi la tua pubblicità qui?

Dall'Italia non mancano le repliche. "D’Annunzio – ha sottolineato il sindaco Roberto Dipiazza – è stato un grande italiano come ce ne sono stati tanti altri e dobbiamo essere orgogliosi di lui". Polemiche "create artificialmente", ha dichiarato Giordano Bruno Guerri, presidente della Fondazione Vittoriale degli Italiani: D'Annunzio viene raffigurato quale "uomo di pace e sta benissimo accanto a Svevo, Joyce e Saba", statue già presenti in città.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento