Vuoi la tua pubblicità qui?
11 Maggio 2021

Pubblicato il

La Targa TENCO 12014 a RAIZ e F. MESOLELLA con “DAGO RED”

di Redazione

All'Auditorium della musica si è conclusa la targa TENCO 2014 categoria interpreti di canzoni non proprie

Raiz & Fausto Mesolella, nella categoria “interpreti di canzoni non proprie”, con l’album Dago Red, sono i vincitori dellaTarga Tenco 2014, il riconoscimento più autorevole della musica italiana, organizzato dal 1984 dal Club Tenco e assegnato da una giuria composta da oltre 200 giornalisti (di gran lunga la più vasta e rappresentativa in Italia in campo musicale).

Le altre Targhe sono andate a Caparezza per l’album dell’anno, Loris Vescovo per l’album in dialetto, a Filippo Graziani per l’opera prima e a Virginiana Miller per la canzone.

Tutti i vincitori si esibiranno il 6 dicembre a Sanremo al Teatro Ariston, in una serata-evento che vedrà David Crosby come ospite d'onore. I biglietti sono in vendita sul sito www.clubtenco.it e alla cassa del Teatro Ariston, tutti i giorni dalle ore 16.

Lo scorso 29 ottobre, all’Auditorium Parco della Musica di Roma, Raiz e Mesolella con la straordinaria partecipazione di Rita Marcotulli e Marco D’Amore (Gomorra-La serie), hanno proposto uno spettacolo unico, eclettica fusione tra musica e teatro, in perfetto stile Dago Red, in un viaggio tra Napoli, il Mediterraneo e le reinvenzioni dei classici del rock.

Vuoi la tua pubblicità qui?

“Dago Red, il disco e il live show, sono strutturati quasi come se il duo fosse un punto di partenza per altro – raccontano Raiz e Mesolella -. Voce e chitarra bastano a se stessi ma c’è sempre posto per altro. In occasione del concerto che abbiamo recentemente tenuto all'Auditorium ci hanno raggiunto sul palco la grande Rita Marcotulli al pianoforte e l'attore Marco D'Amore, che hanno reso con la loro arte più preziosa la trama della nostra musica”

DAGO RED

Un disco funambolico che ruota intorno al gioco delle identità e al cosmopolitismo. Dago Red, che potrebbe essere tradotto approssimativamente come "Il vino rosso del terrone" – intendendo cioè il vino "rosso" degli immigrati d'origine italiana, perché Dago era uno dei molti modi in cui, con un certo disprezzo, si potevano chiamare gli italiani d'America – è il titolo di una raccolta di racconti (e di un racconto in particolare) dello scrittore italo-americano John Fante e dovrebbe rendere benissimo l'atmosfera che si respira in questo lavoro.

"Ci piaceva molto l'idea del vino rosso paesano, quello che forse non è amato dai palati raffinati dei sommelier, ma che è forte, sincero ed inebriante. Abbiamo rivisto a nostro modo nove classici della canzone napoletana lasciando lo spazio aperto alla contaminazione con ciò che napoletano non è ma che altrettanto ci appartiene. In questo lavoro la nostra anima rock, soul, blues, reggae fa pace – o ci prova! – con l'altra sua parte, quella che appartiene alla canzone della terra dove siamo nati e cresciuti. Ecco come "a muntagna", la montagna di "Tu ca nun chiagne" diventa "The mountain" che scalano gli Who in "See me, Feel me" o l'emigrante di "Lacreme Napulitane" è lo stesso "Immigrant Punk" dei Gogol Bordello; alla "Carmela" di Sergio Bruni e Salvatore Palomba ad un certo punto parla Leonard Cohen ("I'm Your Man") e la guerra descritta in "O surdato Nnammurato" viene esorcizzata da "Give me Love" di George Harrison. Tutto scorre senza confini musicali, culturali ed ideologici: persino "Maruzzella" fa un bagno nel mediterraneo orientale e si reinventa in ebraico; un viaggio a ritroso in un Sanremo di metà anni 70 ci regala l'opportunità di ricantare Angela Luce e la sua "Ipocrisia". Questo disco è esattamente quello che siamo noi: due artigiani della canzone che propongono una visione della musica (e della vita) senza pregiudizi di nessun tipo". “Questo è un lavoro quasi psicoanalitico: – dicono i due artisti – cerca di guarire la schizofrenia di due musicisti cresciuti con la musica tradizionale napoletana da una parte e il rock, il blues, il reggae angloamericani dall'altra e rimettere insieme due parti altrettanto importanti della loro identità”.

Raiz e Mesolella lavorano insieme da qualche anno e propongono un excursus unico tra canzone napoletana, rock, reggae con qualche suggestione etnica mediterranea. Chi ascolta si ritrova a fare un viaggio senza passaporto attraverso diverse anime musicali che finiscono con il trovare molti punti connessione. Una musica in cui coesistono con pari dignità anime diverse è anche vista dal duo come un'anticipazione dell'unica futura umanità possibile: quella capace di conservare la differenza per favorire confronto, condivisione e crescita collettiva invece che come arma da brandire contro chi è "diverso".

 

 

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento