Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
17 Gennaio 2022

Pubblicato il

Latina, arrestato autore brutale rapina ai danni di ultrasessantenne

di Redazione
La vittima è stata aggredita presso la propria abitazione, dopo essere stata accecata con spray urticante e brutalmente malmenata

La Polizia di Stato – Questura di Latina ha arrestato un 26enne di nazionalità romena, identificato al termine di articolate investigazioni svolte dalla Squadra Mobile quale responsabile della rapina consumata la sera del 30 gennaio 2018 in danno di un anziano, aggredito presso la propria abitazione, dopo essere stato accecato con spray urticante e brutalmente malmenato.

L’uomo fermato è da considerare un soggetto di elevata pericolosità sociale, dedotta dai numerosi precedenti penali a suo carico; egli, peraltro, in ultimo  è stato tratto in arresto lo scorso 9 marzo, sempre dalla Squadra Mobile di Latina, per violenze commesse nei confronti della sua ex convivente.

Alle ore 21.00 del 30 gennaio scorso, un uomo ultrasessantenne che vive presso un’abitazione di campagna, ubicata sulla via Litoranea a Latina, usciva di casa per controllare il motivo dell’agitazione dei suoi cani, che abbaiavano furiosamente. Appena uscito di casa, l’uomo veniva aggredito da ignoti che gli spruzzavano sul viso una sostanza urticante in modo da tramortirlo; immediatamente dopo, la vittima veniva colpita da diversi colpi di bastone sulla schiena e su un fianco, che gli procuravano lesioni importanti, a causa delle quali veniva ricoverato presso il locale ospedale S.M. Goretti.

Dopo l’aggressione la vittima veniva trascinata all’interno della sua abitazione e legato mani e piedi sul pavimento, mentre l’aggressore rovistava all’interno della casa alla ricerca di valori di cui appropriarsi, sottraendo oggetti e denaro per un ammontare piuttosto modesto.

Il malvivente, probabilmente con l’aiuto di un complice, si allontanava dal luogo del delitto, facendo perdere le proprie tracce.

Le indagini, immediatamente attivate dagli investigatori della Squadra Mobile, riuscivano ad individuare con grande tempestività le responsabilità del rumeno grazie anche alle comunicazioni che lo stesso aveva effettuato via chat nelle ore successive alla rapina.

Da quelle comunicazioni risultava incontrovertibile che il rumeno aveva necessità di piazzare sul mercato la refurtiva sottratta all’anziana vittima. Refurtiva che, peraltro, veniva recuperata e restituita al legittimo proprietario.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il Sost. Proc. dott. Giancristofaro, condividendo perfettamente le risultanze investigative, richiedeva e otteneva l’emissione del provvedimento restrittivo al G.I.P. del Tribunale di Latina.  (Foto di repertorio)

 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo