Latina, uccide una donna e si costituisce: arrestato 42enne di Terracina

Si è rifiutata di consegnargli i soldi con cui lui avrebbe voluto comprare della droga. Per questo motivo verso le 23:30 di ieri Emanuele Riggione, 42enne di Terracina, ha ucciso la compagna Elena Panetta, bidella di 57 anni romana.

I due si trovavano in un appartamento nella zona di Roma Est, dove la donna viveva da qualche tempo. Dopo averla colpita a morte servendosi di un coltello e una picozza, l'uomo ha preso la macchina della vittima e si è recato a Terracina. Lì, ha confessato agli inquirenti, aveva intenzione di porre fine alla propria vita.

Alla fine, tuttavia, Riggione ha deciso di costituirsi e si è presentato presso il Comando Provinciale dei Carabinieri di Latina: qui – alla presenza del pm Valerio De Luca – ha confessato nei dettagli il proprio crimine, fornendo indicazioni sul luogo e sull'arma del delitto.

Gli accertamenti del caso sono stati condotti dai carabinieri del Norm di Latina, agli ordini del tenente Antonio Calabresi. I rilievi di natura scientifica a Roma sono stati condotti dai carabinieri del Nucleo Investigativo della capitale, mentre l'intervento nell'appartamento per il ritrovamento del cadavere è stato condotto dai militari della Compagnia Casilina, col supporto dei Vigili del fuoco.