Vuoi la tua pubblicità qui?
16 Aprile 2021

Pubblicato il

Lazio, aumentano i femminicidi nel 2013

di Redazione

E' allarme anche per i reati sessuali verso i minori avvenuti nel 2012: +42% rispetto al 2011

Nei primi 11 mesi del 2013, dati provvisori dell'Osservatorio Eures, si osserva nel Lazio un forte incremento del numero dei femminicidi, con 15 vittime censite tra gennaio e novembre, a fronte delle 9 registrate nell'intero 2012 (+66,7%).

Tra il 2003 e il 2012 nel Lazio sono state 126 le donne uccise, con una media annua di 13 vittime, uccise nel 74,6% dei casi nell'ambito familiare o affettivo; il 12,7% dei femminicidi (16 vittime) e' da attribuire alla criminalita' comune, mentre l'8,7% (11 vittime) si e' consumato all'interno di una relazione di prossimita' diversa da quella familiare (amicale, di vicinato, economica o lavorativa).

Vuoi la tua pubblicità qui?

È la provincia di Roma a contare il 70,6% dei femminicidi laziali censiti tra il 2003 e il 2012 (con 89 vittime). Piu' in generale, nel 2012 si contano nel Lazio 47 omicidi volontari, in crescita del 4,4% rispetto ai 45 casi del 2011; in termini relativi, il rischio omicidiario nell'ultimo quinquennio risulta pressoché invariato, attestandosi nel Lazio e in Italia a 0,9 omicidi ogni 100 mila abitanti, con il valore piu' elevato a Latina (1,5), seguita da Roma (0,9), Viterbo (0,3), Frosinone (0,2) e Rieti (0, in assenza di eventi omicidiari nel 2012).

Vuoi la tua pubblicità qui?

Nel 2012, poi, sono state 538 le denunce per violenza sessuale nel Lazio (4.689 in Italia), in crescita del 12,1% rispetto al 2011 (+1,6% in Italia) e del 26% nell'ultimo quinquennio (-4,2% in Italia). A livello provinciale Roma conta il maggior numero di denunce (422, pari a +15,6% rispetto alle 365 del 2011), seguita da Latina (48), Viterbo (36, contro le 23 violenze censite nel 2011), Frosinone (25) e Rieti (7).

Anche in termini relativi, l'indice di rischio sale da 7,6 violenze ogni 100 mila abitanti nel 2008 nel Lazio a 8,7 nel 2011 a 9,7 del 2012, a fronte di una contrazione in Italia (da 8,2 nel 2008 a 7,9 nel 2012). A livello provinciale Viterbo registra il rischio più alto (pari a 11,5, rispetto a 5,4 del 2008), seguita da Roma (10,5), Latina (8,8), Frosinone (5,1) e Rieti (4,5).

Il dato più allarmante sembra tuttavia riguardare l'aumento dei reati sessuali che coinvolgono i minori, saliti a 196 nel Lazio nel 2012, con una crescita del +42% rispetto alle 138 denunce del 2011. Nella prevalenza dei casi (138) si è trattato di violenza sessuale vera e propria (56 casi, +51,4% rispetto al 2011) o di atti sessuali con un minorenne (56 denunce, +21,7%), in 53 casi di reati correlati alla pornografia minorile (26 casi, +52,9%) o alla detenzione di materiale pedopornografico (27 casi, +237,5%), in 19 casi si e' trattato di episodi di prostituzione minorile (rispetto ai 16 del 2011) e in 12 casi di corruzione di minore (+50% rispetto agli 8 casi dell'anno precedente). (Com/Rel/Dire)

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento