Vuoi la tua pubblicità qui?
30 Gennaio 2023

Pubblicato il

Legge elettorale: il Rosatellum bis supera il primo scoglio alla Camera

di Redazione
I sì sono stati 375, i no 215. Ora il Rosatellum va a Palazzo Madama

La legge elettorale voluta da Pd, FI, Lega e Ap ha superato senza affanni il primo scoglio alla Camera e già tra due settimane, dopo il voto del Senato, potrebbe essere promulgata dal capo dello Stato ed essere così pronta per il suo primo utilizzo nel 2018. "Grande soddisfazione", è il primo commento del segretario dem Matteo Renzi. Il temuto voto finale a scrutino segreto ha dato, nonostante il coro "Buffoni, buffoni" intonato dal popolo grillino davanti a Montecitorio e l’appello lanciato in Aula ai "franchi tiratori" da Pier Luigi Bersani (Mdp) e da Luigi Di Maio (M5S): "Fate la scelta giusta…", un esito forse senza precedenti: i sì sono stati 375, i no 215 (M5S, Mdp, Sinistra italiana, FdI e altri) mentre nel voto palese la partita era finita 372 a 149.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Dopo tre voti di fiducia chiesti dal governo Gentiloni, che hanno cancellato 120 scrutini segreti, sono bastati appena due giorni e mezzo di dibattito per arrivare all’unico ostacolo sopravvissuto (il voto segreto è stato chiesto da Mdp). Ma la maggioranza trasversale a 4 ha retto anche se i 375 sì al Rosatellum 2.0 sono lontani dal potenziale di 441 voti rappresentato dall’asse Pd-FI-Lega-Ap a cui si devono aggiungere i socialisti, Svp, centristi, Scelta civica e buona parte del Gruppo misto. Considerando i 25 assenti nella maggioranza i "franchi tiratori" sarebbero stati, dunque, una quarantina (Corriere della Sera).

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo