Vuoi la tua pubblicità qui?
23 Aprile 2021

Pubblicato il

Lo scandalo del Concorsone, 20.000 tweet per la legalità

di Redazione

Al via su twitter una campagna virale #concorsooffresi per difendere i diritti dei vincitori e idonei del 2010

Una campagna virale su twitter per difendere i diritti di per rappresentare idonei e vincitori dell’ormai famigerato concorsone indetto da Roma Capitale nel 2010 e che da allora ha lasciato in sospeso le vite delle migliaia di partecipanti. 

Vuoi la tua pubblicità qui?

L'IRONIA DELLA RETE Sono oltre 20.000 i tweet messi in rete, uno dei quali, come riportato dall'Ansa, rende al meglio, con la giusta ironia, il significato della protesta: "Offresi 22 graduatorie vari profili concorsone Roma capitale. Anzianita' della procedura: 4 anni. Eccellenza garantita. Si valutano proposte anche da altre pubbliche amministrazioni: astenersi perditempo. Diritto all’assunzione e scorrimento graduatoria non trattabili".

IL COMUNICATO "Rivolgendosi al sindaco Ignazio Marino e al vicesindaco Luigi Nieri, ma anche al Ministro Marianna Madia e al presidente del Consiglio Matteo Renzi – si legge nel comunicato – in rete i concorsisti hanno messo in offerta 'graduatorie come nuove, mai usate' di 47 curatori archeologi, 136 architetti, 7 esperti di gestione delle entrate, 43 esperti in normativa dei lavori pubblici e finanza di progetto, 129 esperti di sviluppo dei servizi informatici e telematici, 345 funzionari amministrativi, 231 funzionari di biblioteche, 42 funzionari economici finanziari, 231 ingegneri, 595 istruttori economici, 12 restauratori conservatori, 25 statistici, 58 curatori storici dell’arte, 227 funzionari comunicativi e informativi, 81 dietisti, 1.390 insegnanti di scuola dell’infanzia, e poi ancora graduatorie in fase conclusiva di 150 istruttori di cultura, sport e turismo, di 300 amministrativi e di altrettanti istruttori di polizia municipale".

Vuoi la tua pubblicità qui?

Dove dietro questi numeri si celano delle persone, delle famiglie, delle vite che aspettano e sperano, dopo quattro anni forse un pò meno.

 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento