Vuoi la tua pubblicità qui?
21 Settembre 2021

Pubblicato il

Maltempo, Coldiretti Lazio: Attivare procedure per stato calamità

di Redazione
"Gravissimi i danni riportati da migliaia di aziende, con raccolti decimati, coltivazioni distrutte, recinzioni abbattute"

"Cresce in maniera esponenziale il numero dei danni nel Lazio provocati da grandinate, trombe d'aria e bombe d'acqua che, ad agosto, hanno colpito tutto il territorio.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Fenomeni ormai sempre più frequenti a causa della 'tropicalizzazione del clima' che si manifesta con eventi violenti, brevi e molto intensi". Cosi' una nota Coldiretti spiagendo che sono "gravissimi i danni riportati da migliaia di aziende, con raccolti decimati, coltivazioni distrutte, recinzioni abbattute, alberi spezzati dal vento, serre e capannoni divelti". Colpiti in particolare frutteti e vigneti, prossimi alla raccolta, con i viticoltori costretti ad anticipare la vendemmia.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Tra le zone più danneggiate quella di Tarquinia, l'area compresa tra Velletri e Cisterna di Latina e, nel Frusinate, tra Pontecorvo e Aquino. Temporali record anche nella capitale: nel mese di agosto sono già caduti circa 170 mm di pioggia, a fronte degli 0,6 mm del 2017 e dei 23,8 mm del 2016. Per trovare un dato simile bisogna risalire alla metà degli anni Ottanta.

"Ci troviamo di fronte a una situazione assolutamente emergenziale che stiamo costantemente monitorando- spiega David Granieri, presidente di Coldiretti Lazio- Abbiamo avuto un agosto con continui eventi atmosferici estremi e conseguenti effetti disastrosi per l'agricoltura. E' necessario un pronto intervento dell'assessore regionale Enrica Onorati affinché vengano attivate al più presto tutte le misure di sostegno possibili per gli agricoltori, a partire dal riconoscimento dello stato di calamità naturale". (Dire)

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo