Vuoi la tua pubblicità qui?
17 Maggio 2021

Pubblicato il

Manuel Mancini, Francesco Vergovich presentano Martina Bernardini

di Redazione

Manuel Mancini e Francesco Vergovich presentano il libro di Martina Bernardini

Domenica 6 dicembre alle ore 11.00 presso l’ex Granaio Borghese l’Editore e il Direttore Responsabile di Notizie del Cuore, Manuel Mancini e Francesco Vergovich presenteranno il libro Roma La Fabbrica degli Scandali, con la presenza dell'autrice Martina Bernardini.                                                                                                 

Vuoi la tua pubblicità qui?

Dalla Banda della Magliana alle speculazioni edilizie: la Capitale disonesta. Corruzione, Appalti truccati, Sprechi di Denaro e Racket: tutto il Malaffare della Capitale. Tra i temi trattati nel libro: La banda della Magliana; La Banda è divisa, la guerra di mala è scoppiata; Italia ’90: Roma Cantiere Aperto; Dalla variante delle certezze al Giubileo del 200; Le tante ombre sulla Regione Lazio; Scoppia lo Scandalo: “A Roma esiste la Mafia”; Tutti gli Affari di Mafia Capitale; Ignazio Marino, un Sindaco senza pace (il primo libro che parla del  Sindaco Marino e dello scandalo Mafia Capitale).                                              

Vuoi la tua pubblicità qui?

Per la New Compton Editori, Martina Bernardini, nata a Roma, sta conseguendo la laurea in Giurisprudenza all’Università degli studi di Roma Tre. Da alcuni anni collabora con testate online locali capitoline, tra le quali “Il Quotidiano del Lazio”, “Romait” e “Urlo” in qualità di redattrice e cronista. Roma La Fabbrica degli Scandali è il suo primo libro.                                                                                                                                             

“Il malaffare, a Roma, non nasce certo con Mafia Capitale. Corruzione, collusione, appalti truccati, sprechi enormi di denaro e racket non sono fenomeni recenti. Dal dopoguerra in poi, infatti, si sono avvicendati governi e partiti, amministrazioni nazionali e locali, sigle e nomi, ma non sembra essere mai cambiato il modo in cui politica e criminalità si sono intrecciati: dal caso Montesi, che fece tremare la Democrazia Cristiana, fino a quelli più recenti, clientelismo e malaffare paiono ormai essere diventati una costante della storia capitolina. E se nell’Urbe tanti criminali hanno trovato terreno fertile per le loro attività, come i personaggi della Banda della Magliana, anche nel campo dell’edilizia, dagli appalti pubblici e grandi opere, non sono mancati esempi macroscopici di speculazione: mentre Roma cresceva a dismisura, è mancato un vero governo del territorio, e quello che oggi resta dell’enorme espansione della capitale molto spesso è solo abusivismo condonato. Per non parlare poi degli ultimi scandali, amplificati dai media e dalle condivisioni social: ‘un museo degli orrori’ che sembra arricchirsi giorno dopo giorno, come se la città Eterna si fosse trasformata nella città più degradata del Mondo”.  

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento