Vuoi la tua pubblicità qui?
07 Maggio 2021

Pubblicato il

Medici e infermieri, a Torino un corso per non farsi picchiare

di Redazione

La finalità è quella di informare e formare gli operatori sui metodi di riconoscimento di segnali di pericolo o di situazioni che possono condurre a episodi di violenza

Incredibile, ma vero: per gli operatori, professionisti e non, è necessario un corso per non farsi picchiare dagli utenti imbufaliti. Almeno è ciò che si deduce dall’idea della Asl To4 (Torino), che ha progettato un evento formativo per far sì che i sanitari prevengano gli atti di violenza nei loro confronti. Il primo corso, articolato in tre edizioni (la prima è partita il 28 marzo) è rivolto a tutti quei servizi definiti “ad alto rischio” e, infatti, i destinatari sono medici, infermieri, psicologi, educatori professionali, assistenti sociali, operatori socio sanitari e amministrativi che lavorano nel pronto soccorso, nel Dipartimento di Salute Mentale e nel Servizio per le Dipendenze (SerD).

Vuoi la tua pubblicità qui?

La finalità è quella di informare e formare gli operatori sui metodi di riconoscimento di segnali di pericolo o di situazioni che possono condurre a episodi di violenza e sulle metodologie per la prevenzione e la gestione degli stessi. Gli obiettivi formativi specifici sono quelli di illustrare il protocollo aziendale per la prevenzione e la gestione degli episodi di violenza ai danni degli operatori, di identificare le fasi del ciclo dell’aggressione, di individuare le strategie utili a prevenire l’aggressione e a ridurre l’amplificazione della violenza, di descrivere le strategie comunicative e relazionali che favoriscono la escalation e di riconoscere l’opportunità di rielaborare gli eventi aggressivi.

Così ha spiegato al Quotidiano Canavese il direttore generale dell’Asl To4, Lorenzo Ardissone: “Lavoriamo continuamente per fronteggiare il problema della violenza nei confronti dei nostri operatori, agendo su più fronti in modo sistematico. Abbiamo identificato i fattori di rischio per la sicurezza del personale ospedaliero e attuato le opportune strategie preventive, che vanno dalla definizione di disposizioni sulla chiusura serale dei reparti e sulla chiusura notturna degli accessi ai presidi ospedalieri a misure di tipo tecnologico, come l’installazione di ulteriori citofoni per l’accesso regolato nei reparti fuori dagli orari di visita e di ulteriori dispositivi di videosorveglianza. Abbiamo realizzato sul tema una campagna di informazione congiunta con il Collegio IPASVI Provinciale di Torino e con l’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della Provincia di Torino. Abbiamo appena assegnato con una gara d’appalto a una società competente nel settore il compito di elaborare un piano per garantire la sicurezza dei nostri ospedali e delle postazioni di guardia medica, utilizzando la tecnologia e le risorse umane. E ora abbiamo progettato un corso per la prevenzione degli atti di violenza a danno degli operatori”.

Una domanda, però, sorge spontanea: è quindi anche colpa del lavoratore che subisce violenza e della sua presunta scarsa preparazione sulle modalità per scongiurare di essere malmenato se alcuni cittadini si sentono in diritto di mettere a ferro e fuoco gli ospedali e se non ci sono, di fatto, i dovuti controlli per evitare tutto ciò…?

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento