Vuoi la tua pubblicità qui?
23 Settembre 2021

Pubblicato il

Megabus, da Roma a Milano con 1 euro

di Redazione
Debutta il 24 giugno il nuovo servizio di autobus che permette di viaggiare a prezzi stracciati

Sembra impossibile poter viaggiare da Roma a Milano, o a Napoli, spendendo solo un euro. Ed invece tra pochi giorni, esattamente dal 24 giugno, sarà possibile.   

Parliamo di Megabus, servizio nato negli Stati Uniti, una specie di  Ryanair degli autobus, che offre tariffe ridotte nei collegamenti fra 13 città italiane, tra cui anche Roma.

Il servizio prevede una spesa media di  15 euro per un viaggio, ma nei primi giorni di lancio del servizio in tutta Italia ci sarà una speciale promozione: tutti i viaggi costeranno un euro (più 50 centesimi per la prenotazione). Con tutta probabilità, anche a chi si prenoterà in anticipo nei prossimi mesi avrà occasione di viaggiare a un euro. Previsti in futuro  anche collegamenti internazionali.

Da Roma sono attivi ben 13 itinerari, che permettono di andare a Torino, passando per Firenze, Bologna e Milano; viceversa, si potrà andare anche da Roma a Napoli. Ci sarà anche una linea per Padova e Venezia (sempre con partenza da Napoli), e una per Genova e La Spezia, che passa per Siena. In ultimo, sarà disponibile la tratta per Pisa.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Oltre al prezzo stracciato, Megabus mette a disposizione una serie di interessanti servizi: una franchigia fino a 25 chili di peso per i bagagli;  prese elettriche, servizi igienici e wi-fi gratuito per l'intera durata del viaggio; possibilità di accesso anche ai portatori di handicap. 

Vuoi la tua pubblicità qui?

La stazione capolinea per Roma sarà l'autostazione di Tiburtina. Al momento è possibile prenotare viaggi solo online, attraverso il sito www.megabus.com, ma l'azienda ha in programma l'apertura di un'agenzia anche a Roma.

Vuoi la tua pubblicità qui?

 

 

 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo