Vuoi la tua pubblicità qui?
22 Ottobre 2020

Pubblicato il

Nadal, 7 volte Re di Roma

di Redazione

Lo spagnolo vince il 20° duello per un titolo contro Federer

Al centrale del foro Italico ci si aspettava una gran finale tra i due protagonisti più importanti degli ultimi anni del tennis mondiale: Roger Federer e Rafael Nadal, rispettivamente al numero 2 e al numero 5 della classifica ATP.
Le aspettative del pubblico romano, accorso in gran numero allo Stadio, però, sono state disattese.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Pronti, via.
Federer tiene agevolmente il servizio nel primo game, poi lo spagnolo infila una serie di 9 game consecutivi, annichilendo lo svizzero come spesso è riuscito a fare sulla terra rossa.
Il mancino di Manacor mette in difficoltà Federer con il suo dritto arrotato e con palle alte sul rovescio a una mano di Federer, da sempre suo tallone di Achille. Gli spettatori assistono ai consueti recuperi di palla di Nadal che portano Federer a dover faticare molto per chiudere il punto.
Lo svizzero di Basilea non fa nulla per cercare di raddrizzare le sorti della gara e sbaglia numerosi dritti, anche da metà campo, apparendo svogliato e fuori forma fisica, forse condizionato psicologicamente dalla presenza dall’altra parte della rete di Rafa, sua autentica bestia nera.
Il primo set si chiude 6-1.

Il secondo si apre sulla falsariga del primo.
Il Re Roger è irriconoscibile, perde anche questi primi 3 game. Il centrale prova ad incitarlo e scuoterlo, ma Nadal continua con il suo strapotere fisico e la sua tenacia a dominare, non lasciandogli margini di rimonta.
Sul 5-1, il 17 volte vincitore dei tornei del grande Slam, ha uno slancio d’orgoglio che lo porta a recuperare uno dei due break subiti e a mantenere il proprio turno di servizio.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La partita termina 6-1, 6-3 e decreta la settima vittoria a Roma del maiorchino, che alza il trofeo al cospetto di Nicola Pietrangeli e Lea Pericoli, due istituzioni del tennis italiano.
Rafa sale al numero 4 della classifica grazie a questa vittoria, che lo rinsalda in vista del Roland Garros, torneo del grande Slam su terra battuta.
È il 56° titolo in carriera e il 6° da inizio anno.

Nel torneo singolare femminile assistiamo al trionfo di Serena Williams che batte Viktoria Azarenka per 6-1, 6-3.
Le nostre italiane Errani e Vinci, detentrici del titolo di doppio qui a Roma, perdono da Shuai Peng e e Su-Wei Hsieh 4-6, 6-3, 10-8

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento