Vuoi la tua pubblicità qui?
18 Maggio 2021

Pubblicato il

Natale, tempo di tradizioni

di Redazione

di Donna Assunta Di Marzio

Ogni regione, ogni città, riscopre in questa occasione mille riti resi preziosi nel tempo. Molte di queste usanze contribuiscono in modo determinante a creare l'atmosfera stessa del Natale. Molte di queste sono legate alla tavola. Infatti è intorno ad essa che la famiglia si riunisce, riscopre il piacere di condividere momenti di serenità. Molto spesso i pasti di Natale sono legati a piatti tipici, ricette tramandate nei secoli, che poi noi con qualche adattamento portiamo ai nostri giorni. Tra qualche giorno prepareremo anche l'albero. Ai miei tempi l'albero di Natale era carico di ghirlande, candeline, dolcetti, mandarini, biscotti e striscioline di carta argentata per farlo brillare. L'uso di addobbare gli abeti, è arrivato dal Nord e si è poi diffuso nei Paesi più caldi nella prima metà dell'ottocento. Fu la duchessa d'Orleans a dettare una nuova moda. Nel 1840, si invaghì dell'usanza introdotta dall'ambasciatore prussiano nella capitale francese e fece allestire un enorme albero nel giardino delle Tuilleries. In Italia arrivò grazie alla regina Margherita, che ne volle uno nel salone del Quirinale, allora residenza reale. E dopo aver conosciuto la storia dell'albero di Natale, pensiamo alla nostra gola, riscoprendo ogni settimana qualche ricetta delle nostre tradizioni. Vorrei consigliarvi un dolce che ricordo con molta tenerezza, perché era un classico negli anni della mia gioventù. Spero piaccia anche a voi.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Mostaccioli:

Vuoi la tua pubblicità qui?

Dosi per 4 persone: 200 gr, di farina, 200 gr, di mandorle spellate,150 gr, di miele, la scorza grattugiata di un'arancia, 2 albumi, mosto cotto, (facoltativo) un cucchiaio di cannella, 10 grani di pepe nero macinato, una noce di burro, un pizzico di lievito per dolci, sale. Tritate le mandorle e mescolatele con il miele, scorza d'arancia e spezie. Incorporate la farina con il sale, lievito e mosto cotto (a piacere) lasciando il composto consistente. Senza lavorarla troppo stendete la pasta con il matterello e tagliatela con forme che più vi piacciono. Cuocete in una teglia rivestita con carta da forno a 200 gradi per 15 minuti. Potete glassare i mostaccioli, oppure ricoprirli con del cioccolato precedentemente sciolto a bagnomaria. Visto? veloe, veloce!

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento