Vuoi la tua pubblicità qui?
15 Maggio 2021

Pubblicato il

Nel Lazio vita sessuale più soddisfacente ma anche primato sesso non protetto

di Redazione

I dati del Rapporto Censis-Bayer sui nuovi comportamenti sessuali degli italiani di 18-40 anni, analizzati a livello regionale

L'estate è arrivata e con lei anche la voglia di andare alla ricerca della "passione", che in Lazio è la parola maggiormente associata al sesso. Estate "bollente" per la maggior parte dei laziali per cui sesso e amore non vanno sempre a braccetto: "il sesso è una cosa, l'amore un'altra". È quanto emerge dai dati del Rapporto Censis-Bayer sui nuovi comportamenti sessuali degli italiani di 18-40 anni, analizzati anche a livello regionale, presentati in occasione del lancio della nuova campagna informativa Bayer #dilloatuasorella.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Cosi' si scopre che il 73% degli abitanti del Lazio ha una vita sessuale attiva, anche se il 7% vorrebbe farne meno. I laziali si dichiarano comunque più soddisfatti della propria vita sessuale (83,7%) rispetto alla media nazionale (54,1%). Si tratta anche della regione italiana dove si concentra la quota più alta di giovani che hanno avuto rapporti sessuali completi (83%) rispetto all'Italia (75%).

L'indagine non ha solo approfondito la sfera sessuale, ma anche la cultura contraccettiva ad essa strettamente collegata. Nel Lazio il 75% delle persone ha usato un metodo contraccettivo nell'ultimo anno, tuttavia alla regione spetta anche il primato negativo per il numero più elevato di persone che hanno fatto sesso non protetto almeno una volta nella vita (67,5%, dato che riguarda in particolare gli uomini), con diverse motivazioni: "mi fa sentire limitato/a" (52%), "è un costo che non sono disposto a sostenere (31%), "è una seccatura a cui preferisco dedicare il minor tempo possibile" (16%).

"Si tratta di dati comunque preoccupanti se consideriamo che chi risponde è adulto e dovrebbe quindi essere responsabile- spiega la Dottoressa Roberta Rossi, sessuologa e Presidente Federazione italiana di sessuologia scientifica- Per questo continua ad essere importante che donne e uomini si prendano cura della propria salute sessuale.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Iniziative come quelle di Bayer che promuovono il benessere delle donne attraverso la conoscenza e la consapevolezza sono una necessita' sempre più evidente nella nostra societa'". In materia di contraccezione il principale influencer per un laziale su due è il partner. Per le donne il riferimento del medico specialista è quasi importante quanto l'influenza del partner.

Secondo la Dottoressa Manuela Farris, specialista in Ginecologia e Ostetricia e membro della Società Italiana di Contraccezione (SIC): "Il ginecologo è una delle figure di riferimento per le donne. Dovrebbe saper fare anche da psicologo in modo da conquistare la loro fiducia e consigliare il metodo contraccettivo più adatto alle loro necessità".

Per rendere fruibili i dati dell'indagine e diffonderli il più possibile, Bayer ha promosso la campagna informativa #dilloatuasorella che arricchisce, rielabora e contestualizza la ricerca trasformandola, grazie all'ironia de La Pina, in contenuti ingaggianti. Una serie di video-pillole pubblicate sul canale Instagram My Contraception Italia in cui La Pina dà voce a un puppet con le sue sembianze, raccontando al pubblico i dati più importanti emersi dal Rapporto Censis-Bayer e invitandolo ad approfondire ogni dubbio sul sito Sceglitu della Società Italiana Ginecologia e Ostetricia (SIGO).

"Sono felicissima di essere la testimonial di una campagna che possa aiutare le donne italiane a conoscere meglio le loro esigenze e a vivere serenamente la vita di coppia, conclude La Pina. Senza contare che mi sono divertita moltissimo a prestare la mia voce a un puppet che mi somiglia alla perfezione. Il mio invito è quindi: cara amica, informati e #dilloatuasorella". (Red/ Dire) 

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento