Vuoi la tua pubblicità qui?
21 Luglio 2021

Pubblicato il

Omicidio Sperlonga

Omicidio Sperlonga. Gettata dalle scale dopo mesi di stalking: arrestata donna di Formia

di Livia Maccaroni

In carcere Arianna Magistri, che deve scontare una pena residua a nove anni di reclusione. La vittima era la sua collega Anna Coviello

Aula del Tribunale
Aula del Tribunale

Nella giornata di venerdì 16 luglio, a Formia, i carabinieri del locale Comando Stazione hanno dato esecuzione all’ordine di carcerazione emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Roma. E il bersaglio dell’ordine è stata la 50enne Arianna Magistri, originaria del posto, già sottoposta agli arresti domiciliari.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La condanna

La donna, a seguito della condanna definitiva emessa dalla Corte di Cassazione, deve espiare una pena residua di nove anni e tre mesi di reclusione. È prevista anche l’interdizione perpetua dai pubblici uffici e l’interdizione legale durante la pena.

Vuoi la tua pubblicità qui?

L’accusa

L’accusa per Arianna Magistri è infatti quella di omicidio doloso commesso ai danni di una sua collega: la dipendente dell’ufficio postale, Anna Lucia Coviello, 63enne originaria di Terracina. L’omicidio è avvenuto all’interno del parcheggio multipiano di Sperlonga, dove il 16 giugno 2016 la 50enne di Formia ha gettato la vittima dalle scale durante una lite. E secondo gli inquirenti dopo mesi e mesi di stalking.

Il trasferimento a Rebibbia

Le sezioni unite della Suprema Corte di Cassazione hanno emesso una sentenza definitiva, a carico di Arianna Magistri. La condanna ammonta a 15 anni e quattro mesi di carcere, di cui 9 anni restano ancora da scontare. L’arrestata, prelevata dalla sua abitazione, verrà associata alla Casa Circondariale di Rebibbia a Roma.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento