Vuoi la tua pubblicità qui?
11 Maggio 2021

Pubblicato il

Otto secoli di Canzoni Napoletane con i Sound Pills 

di Redazione

Presenteranno il loro repertorio di musiche napoletane, dalle villanelle e tarantelle tradizionali di molti secoli fa

Presentano in "Otto secoli di Canzoni Napoletane" il loro repertorio di canzoni napoletane.

“Note in biblioteca”, la serie di incontri musicali a ingresso gratuito (fino ad esaurimento posti) a cura della IUC, si trasferisce per il secondo appuntamento alla Biblioteca “Vaccheria Nardi” (Via Grotta di Gregna 37, Roma), dove venerdì 9 novembre alle 20.30 si esibirà il duo Sound Pills, formato da Piera D’Isanto (voce) e Marco Silvi (tastiera).

Presenteranno il loro repertorio di musiche napoletane, dalle villanelle e tarantelle tradizionali di molti secoli fa fino alle recenti contaminazioni della canzone napoletana col blues e lo swing.

Piera D’Isanto e Marco Silvi inizieranno con un canto delle lavandaie del Vomero, tradizionale del XIII-XIV secolo. Poi una villanella del ‘400, nella versione della Nuova Compagnia di Canto Popolare di Roberto De Simone, e una famosa tarantella dl 1768, “Lo Guarracino”.

Si arriva quindi al periodo classico della canzone napoletana con “Era de Maggio” (1885) di Mario Costa su testo di Salvatore Di Giacomo e con “Munasterio 'e Santa Chiara” (1945) di Michele Galdieri e Alberto Barberis.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Con l’arrivo dei soldati americani nel 1943 la canzone napoletana conosce il blues, lo swing e poi il rock e le due culture musicali si mescolano, come in “Tu vuo’ fa’ l’americano” di Renato Carosone e in “Je so’ pazzo” di Pino Daniele.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il duo Sound Pills, attivo ormai da tre anni, è nato con l’intenzione di creare qualcosa di diverso da un semplice duo piano/voce. È un progetto che sfida le distanze stilistiche e temporali e mette in comunicazione brani provenienti dai più disparati repertori musicali, creando una tessitura sonora intensa e originale e regalando nuova vita a melodie antiche tramite l’uso di effetti e looper.

La stessa Piera D’Isanto introdurrà all’ascolto delle musiche in programma.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Ufficio Stampa dell'Istituzione Universitaria dei Concerti:

Mauro Mariani

[email protected]

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento