Vuoi la tua pubblicità qui?
15 Gennaio 2021

Pubblicato il

Parole, parole, parole

Parole da buttare: “l’anno vecchio è finito ormai, ma qualcosa ancora qui non va”

di Massimo Persotti

Le prime parole da buttare sono quelle che hanno imperversato nell'anno vecchio: lockdown, pandemia, coronavirus, COVID, mascherina

Parole da buttare
Dpcm, mascherine

Così cantava Lucio Dalla, e se il 2020 lo abbiamo volentieri archiviato, per l’appena nato 2021 molte cose restano ancora nebulose. Dal punto di vista delle parole, ci siamo lasciati dietro lockdown, pandemia, coronavirus, COVID, mascherina: regine del 2020. E chissà ancora per quanto ce le porteremo dietro.

Vuoi la tua pubblicità qui?

I tormentoni e le parole abusate

Se poco possiamo fare per parole legate all’emergenza sanitaria che stiamo ancora vivendo, diverso è il caso di termini ed espressioni diventati tormentoni linguistici, luoghi comuni, modi di dire, parole abusate. Una volta i linguisti si affannavano dietro i ‘quant’altro’, gli ‘assolutamente’ o gli ‘anche no’. L’elenco nel corso degli anni si è notevolmente arricchito trovando terreno fertile soprattutto nei social media, vero incubatore e rapido diffusore della degenerazione linguistica.

Un catalogo che in molti vorrebbero sfoltire. Su Repubblica, Concita De Gregorio si indigna per l’imperversare nei talk show del ‘c’è molto da fare’, ‘C’è da fare…’. “Ma che diavolo vuoi dire? – scrive – Un vago, impersonale c’è da fare che ha il sapore di “beh, io quello che dovevo dire l’ho detto, ora scusate ma ho il parrucchiere”.

“Ci sta”, “ci metto la faccia”, “senza se e senza ma”

Riccardo Chiaberge, collaboratore di Treccani e Linkesta, ha provocatoriamente proposto con un tweet le sue parole da buttare. “E se nel 2001 – ha scritto – la smettessimo di dire ‘ci sta’, ‘ci metto la faccia’, ‘senza se e senza ma’ e ‘due domande me le farei’?”.

Il suo invito è stato subito raccolto. Antonio Polito (giornalista) ha proposto ‘asfaltare’; Roberto Burioni (virologo) ‘tanta roba’, ‘facciamo un passo indietro’ e ‘resilienza’; Pierluigi Battista (giornalista) ‘anche no’ e ‘scappati di casa’; Federico Fubini (giornalista) ‘piuttosto che’ e ‘anche meno’. Tanto per citare alcuni contributi illustri. Ma negli oltre 1300 commenti collezionati in un giorno, ce n’è per tutti i gusti: ‘quoto in pieno’, ‘chiedo per un amico’, ‘narrazione’, ‘attenzionare’, ‘asfaltato’, ‘interlocuzione’, ‘potenza di fuoco’. Via il ‘virale’, ora quantomai inopportuno. Via gli anglismi come ‘cashback’, ‘recovery plan’.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Fotografia della sciatteria linguistica o frenesia un po’ snob degli intolleranti da tastiera? La verità sta forse nel mezzo. Ma una cosa è certa: tutti, ma veramente tutti, vorremmo che le prime parole da buttare fossero proprio quelle che hanno imperversato nell’anno vecchio: lockdown, pandemia, coronavirus, COVID, mascherina.

Norme anti-Covid dal 7 gennaio, cosa succede dopo le feste? Ve lo diciamo qui

Roma, campo rom Castel Romano: 91mila euro per ospitare famiglie in hotel, è polemica

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento