Vuoi la tua pubblicità qui?
20 Aprile 2021

Pubblicato il

Pazza Virtus Roma: espugnata Trento in rimonta per 82-88

di Redazione

Un quarto periodo clamoroso (15-28) consegna alla Virtus Roma un'importante vittoria in trasferta

E' una pazza Virtus Roma, quella che vince in rimonta sul campo di Trento per 82-88.
Dopo aver rincorso per tre quarti di gara, i ragazzi di coach Piero Bucchi sfoderano un quarto periodo clamoroso che ribalta completamente il punteggio grazie alle giocate di Jerome Dyson, MVP della partita con 23 punti e 6 assist, in grado di fargli perdonare anche le 8 palle perse.
La Virtus sale dunque a quota 14 punti e rimane in corsa per le Final 8 di Coppa Italia oltre che, in maniera insperata, per i playoff di fine stagione.

Le parole di coach Piero Bucchi al termine della gara: «Partita completamente folle, un primo quarto con un punteggio così alto è sempre pericoloso quando sei in trasferta ma nel secondo tempo le difese hanno preso il sopravvento e noi siamo stati molto bravi a lasciare solo trenta punti a Trento. Abbiamo avuto qualche palla persa di troppo ma vanno fatti i complimenti ai ragazzi per la grande voglia di vincere, la grande determinazione mostrata che si è vista anche in giocatori che magari restano più nell’ombra con il lavoro oscuro, come Pini. Però vincere in trasferta, pur con diversi errori, è una dimostrazione che questa è una squadra con grande carattere».

Vuoi la tua pubblicità qui?

IL TABELLINO
Dolomiti Energia Trento 82 – 88 Virtus Roma
(30-30, 22-17; 15-13, 15-28)
Dolomiti Energia Trento: Kelly, Blackmon 28, Craft 4, Gentile 13, Pascolo 4, Mian 5, Forray 12, Knox 6, Mezzanotte 5, Bortolini, King 5, Lechthaler.
Virtus Roma: Alibegovic 13, Dyson 23, Baldasso 2, Pini 4, Jefferson 17, Buford 18, Kyzlink 8, Moore 3, Farley, Spinosa, Rullo, Cusenza.

LA PARTITA
Il primo quarto è caratterizzato da grandi attacchi (o forse difese un po' complici): Trento parte forte e trova subito il +6, Roma si aggrappa a un ritrovato Buford e tiene botta fino a tornare a stretto contatto grazie ai leader Dyson e Jefferson. Con una tripla pazzesca sulla sirena da parte dello stesso Jerome Dyson, si va al primo riposo sul 30-30.
Nel secondo quarto, la Virtus trova subito un insperato gioco da tre punti con Moore, ma poi l'attacco si ferma per ben 5 minuti. I padroni di casa ne approfittano, piazzando un parziale di 10-0 guidato da Blackmon e Gentile, mentre Roma perde palloni su palloni.
Un canestro in transizione di Jefferson ferma l'emorragia, e i ragazzi di Bucchi riprendono finalmente a giocare. 
Si va all'intervallo sul punteggio di 52-47 in favore di Trento.
Il copione del terzo quarto è di fatto lo stesso del secondo: i padroni di casa alzano il volume della difesa, e per la Virtus si ripropone il problema delle palle perse. Dopo aver toccato il -12, a metà quarto Roma smuove il tabellino sempre con Jefferson. Trento non riesce proprio a scrollarsi di dosso la Virtus, e si va al gran finale sul 67-60.
Il quarto periodo è quello che decide la partita: Roma parte con un impressionante parziale di 18-0 che tramortisce la Dolomiti Energia. Dyson fa letteralmente quello che vuole, scherzando con la difesa avversaria tra triple, entrate e assist visionari; Buford è chirurgico e si scopre anche spettacolare schiacciatore; Jefferson porta il suo solito contributo nel pitturato, mentre al lavoro sporco ci pensano Kyzlink e Pini. La Virtus scavalca la doppia cifra di vantaggio, poi Trento prova a rientrare con 6 punti in fila di Blackmon, ma non ha le energie necessarie per ribaltare la clamorosa rimonta capitolina.
Suona la sirena: Trento 82 – 88 Virtus Roma.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento