Vuoi la tua pubblicità qui?
29 Novembre 2021

Pubblicato il

Pomezia, 52enne, incitato da compagna, picchia anziano padre per avere soldi

di Redazione
La coppia, residente ad Ardea, si era recata a casa dell'anziano padre di lui, un 85enne che vive a Pomezia unitamente alla badante, per chiedergli dei soldi

I Carabinieri della Stazione di Pomezia hanno arrestato una coppia di italiani conviventi, di 52 anni lui e 41 anni lei, già conosciuti alle forze dell'ordine, residenti ad Ardea con le accuse di tentata estorsione, lesioni e danneggiamento. La coppia, nella serata di ieri, si è recata a casa dell'anziano padre di lui, un 85enne che vive a Pomezia unitamente alla badante, per chiedergli dei soldi.

Quando l'anziano si è rifiutato, il figlio, incitato dalla compagna, ha iniziato a percuoterlo alla testa e, quando si è accorto che la badante dell'anziano stava chiamando i Carabinieri, è scappato insieme alla donna. Uscito nel viale che si trova di fronte all'abitazione del padre però, notando parcheggiata l'autovettura dell'anziano, ha iniziato a colpirla con una chiave inglese che aveva nella sua auto, rompendone tutti i vetri.

Vuoi la tua pubblicità qui?

I Carabinieri, intervenuti sul posto e compreso quanto era accaduto, hanno rintracciato la coppia all'interno di un distributore di carburanti, dove si era rifugiata.

Una volta in caserma, i militari hanno verificato che alla 41enne era già stata applicata, sempre per fatti analoghi, la misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dall'85enne. L'anziano è stato trasportato presso il Pronto Soccorso della Clinica Sant'Anna di Pomezia, dove è stato ricoverato in osservazione per un sospetto trauma cranico. Gli arrestati sono stati portati in carcere, l'uomo in quello di Velletri e la donna a Roma Rebibbia Femminile. (Comunicati/Dire)

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo