Vuoi la tua pubblicità qui?
17 Maggio 2021

Pubblicato il

Pomezia, identificati i corpi carbonizzati trovati in auto a Torvajanica

di Redazione

Sarebbero quello di una donna, 48enne residente a Pomezia e l'uomo, D.R. 39enne residente a Torvajanica

Giallo a Torvajanica. Nella mattinata odierna, venerdì 14 giugno, due corpi carbonizzati, non ancora identificati, sono stati rinvenuti in un'auto in via San Pancrazio, in una traversa di via Siviglia nel Comune di Pomezia. La scoperta intorno alle ore 10:25 dopo l'intervento dei Vigili del Fuoco per un'auto in fiamme: una Ford da quanto si apprende dalle prime informazioni. I cadaveri sono stati trovati all’interno di un’auto in una stradina secondaria della zona di Martin Pescatore. Sul posto Vigili del Fuoco e i Carabinieri che indagano sull'accaduto.

Vuoi la tua pubblicità qui?

AGGIORNAMENTO: Sono stati identificati i due corpi trovati carbonizzati ieri mattinain via San Pancrazio a Torvaianica, vicino Roma, a bordo di una Ford Fiesta distrutta dalle fiamme. Sarebbero quello di una donna, 48enne residente a Pomezia e l'uomo, D.R. 39enne residente a Torvajanica. Amici di famiglia da anni, anche se non sembra escluso che tra i due ci fosse una relazione sentimentale. La donna era uscita di casa con il proprio compagno per accompagnare la figlia a sostenere gli esami di terza media. Proprio il compagno della donna è stato interrogato per molte ore dai Carabinieri del Nucleo investigativo di Frascati, coordinati dalla Procura di Velletri. La prima ipotesi seguita dagli inquirenti è quella dell’omicidio passionale scaturito dalla gelosia. Resterebbero però ancora in piedi le ipotesi del duplice omicidio o dell'omicidio-suicidio. 

Vuoi la tua pubblicità qui?

LEGGI ANCHE:

Terremoto, stanziati 11,5 milioni. Salvini: "Non vi lasciamo soli"

Sabaudia, 40enne cade dal balcone di casa: gravissime le sue condizioni

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento