Vuoi la tua pubblicità qui?
07 Maggio 2021

Pubblicato il

Pregiudicato va in giro con mitra della 2^ Guerra Mondiale

di Redazione

Arrestato dai Carabinieri ad Aprilia un italiano dopo aver notato alcuni suoi movimenti sospetti a Pomezia

 I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma hanno arrestato un cittadino italiano M.C. residente ad Ardea, con precedenti, sorpreso a bordo della sua autovettura in possesso di un’arma da guerra perfettamente funzionante. I Carabinieri avevano notato l’uomo mentre faceva dei movimenti sospetti nei pressi di Pomezia e hanno deciso di seguirlo e controllarlo una volta giunto nella zona di Aprilia; nel corso del controllo, a bordo dell’autovettura, i militari hanno trovato una pistola mitragliatrice cal. 9 mm, modello "United States Submachine Gun M3" ed un coltello da guerra "U.S.M.C. Ka-Bar Knife", entrambe armi in dotazione all’esercito statunitense nella 2^ guerra mondiale.

Il mitra rinvenuti era in dotazione agli equipaggi dei mezzi corazzati come arma da difesa, alla fanteria e ai paracadutisti come arma d'appoggio. Ricevette il soprannome Grease Gun (Oliatore) per la sua forma simile agli ingrassatori a pompa utilizzati per ingrassare alcune parti dei carri armati. Dopo la seconda guerra mondiale, la "Grease gun" fu usata nella guerra civile cinese, nel conflitto cinese-tibetano e dall'esercito americano in Corea e in Vietnam. Fu adottata dall'Argentina che la produsse per il suo esercito; infatti fu usata durante la Guerra delle Falkland contro il Regno Unito.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Alcuni reparti della Marina Militare Italiana la utilizzarono in una versione con silenziatore visto che il calibro 45, si prestava meglio del 9X19 della pistola mitragliatrice Beretta M12. L'ultima volta fu usata dall'esercito degli Stati Uniti d'America nella Prima Guerra del Golfo.

 

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento